Una destinazione imperdibile per tornare a vivere liberamente mare e natura: Mercure Argentario Hotel Filippo II

In origine l’isola dell’Argentario era completamente staccata dalla terra ferma, ma col passare del tempo e a causa dell’azione incessante delle correnti marine e dei depositi fluviali del fiume Albegna, si è unita alla penisola tramite due lunghi e stretti istmi di terra: il Tombolo della Giannella, la porzione più a nord – percorrendola tutta si raggiunge Porto Santo Stefano centro di rilevanza internazionale per la vela e la nautica da diporto -, e il Tombolo della Feniglia, che si trova più a sud, lungo circa 7 chilometri, caratterizzato da una splendida pineta a ridosso di una spiaggia dorata, è una Riserva Forestale completamente percorribile sia a piedi che in bicicletta.

Ed è proprio in questo contesto unico di infinita bellezza paesaggistica e naturalistica salvaguardata da secoli, che sorge il Mercure Argentario Hotel Filippo II la cui vista panoramica domina il paesaggio lasciando senza fiato per l’incanto, e che può vantare  una piccola baia privata attrezzata per godere al meglio del sole e del relax, e da cui perdersi nell’azzurro del mare cristallino o dal cui pontile salpare alla volta di  imperdibili immersioni in collaborazione con i diving locali.

Altrettanto suggestiva l’ampia piscina da cui godere di una vista davvero ineguagliabile e da cui avere la sensazione di dominare l’arcipelago.

L’atmosfera della location è calda e accogliente così come i toni e i colori delle 9 suite, raccolte ed eleganti, e dei 24 spaziosi appartamenti che richiamano quelle tipiche delle terre della Toscana e che rendono ancora più piacevole il soggiorno in questo luogo.

Le diverse tipologie di alloggio che permettono sistemazioni con ampi balconi o con giardini affacciati sul mare, soddisfano le varie esigenze degli ospiti e rendono indimenticabile il soggiorno di romantiche coppie desiderose di privacy, famiglie con bambini in cerca di ogni comfort, gruppi di amici curiosi e sportivi.

Vivere il Filippo II significa anche calarsi in una esperienza autentica di gusto che lascerà una traccia indelebile persino nei gourmet più curiosi. La solida tradizione della cucina toscana – in particolare quella marinara -, la selezione di ingredienti freschissimi e di stagione, e la creatività rispettosa della storia e del territorio, condurranno lungo un viaggio che non riguarderà solo il cibo ma coinvolgerà identità e cultura e l’elegante ristorante “La Terrazza” con uno spettacolare affaccio sul mare, diventerà così l’esclusivo  punto di partenza di un itinerario imperdibile valorizzato al meglio da una carta dei vini altrettanto ricercata. Tra le tante proposte Surf & Turf, filetto di scottona e astice al Cognac e aneto, servito con asparagi e carciofi di Gerusalemme.

Tappa obbligata di questo viaggio dei sensi, la roof terrace per godere di un momento di suggestivo relax per gli occhi e l’anima accompagnato dal piacere di sorseggiare cocktails preparati nel rispetto della miglior tradizione del bere miscelato.

Il Mercure Argentario Hotel Filippo II rappresenta la base ideale per escursioni alla scoperta di luoghi unici come le numerose baie e calette di Giannutri,  l’isola più meridionale dell’Arcipelago toscano, nonché il punto più a sud della Toscana, o il fascino quasi primordiale dell’Isola del Giglio con i suoi vigneti  che dai ripidi pendii  si affacciano sul mare e la fitta rete di antichi sentieri immersi tra i profumi di macchia mediterranea e salsedine, percorribili a piedi o in bicicletta.

Non potrà mancare una visita a Porto Ercole dove, passeggiando lungo il porticciolo, è possibile incontrare i vecchi lupi di mare intenti a riparare le reti da pesca, e Capalbio per perdere la cognizione del tempo percorrendo antichi camminamenti.

I più sportivi apprezzeranno una visita al Parco naturale della Maremma  per scoprirne i tesori naturalistici e archeologici magari in canoa o a cavallo.

Leggi Anche
Scrivi un commento