Un popolo xe a so memoria

Un popolo xe a so memoria

I dixe, sti gran dotori, che l’Italiano a xe a lengua dea cultura alta, ciò, invese  el veneto saria na roba da poricani, un vecio parlar de contadini che xe condanà a morir. I
dixe che “in fin dei conti” no xe gnanca na lengua vera: el xe un diaeto, sensa na gramatica, che el cambia da un posto a n’altro. Par questo, bisognaria far na rasa: i veci non ga pì da
adopararlo coi ciacola con i bocie, parché nol ghe serve coi ga da doparar el computer o studiar all’università – ansi, xe queo che li “inibisce” a impar polito el taliano che,
invese, fa fin e fa sentir patrioti e “solidali”. Cossa voji  quei dea Lega Nord, sti grebani! Tirar su un burigon e rabaltar el paese? Cosa disaressei i eroi risorgimentali a sentir ste
brute robe?! Ciò, e xe critiche mia da poco, se dirà. E invese e se proprio da gnente.A lengua veneta ga secoi de storia e nobilissima, co na solo “letteratura”. Pensemo al
capolavoro “El planto de la Verzene Maria”, scrito da fra’ Enselmino da Montebelluna nel XIV secolo, nel quae se miscia insieme el volgare veneto, queo toscano e el provenzale. El ga avuo ai so
tempi un  sucesso squasi compagno a queo dea Divina Commedia de Dante Alighieri. E cossa se dovaria dir del teatro veneto, co Giustinian, Ruzante, Calmo, Goldoni, Gozzi, Zanchi, Gallina,
Rocca etc. Lo sai o no lo sai, serti intellettuali palpacioche, che a feta pi’ grosa dea “letteratura teatrale italiana” a xe in lengua veneta? E par tornar ad ancò, cossa dovaressimo dir
de e poisie de Zanzotto: se bone solo quee scrite in talian, o va ben anca e altre scrite in di aeto?E po’, “letteratura” o manco, ghe saria sul serio da vergognarse de usar el parlar dei
contadini? No semo squasi tuti fioi de un popolo de umili lavoratori dei campi, che i saveva da dove che a vien, che se spacava a schena a mantegner a fameja, e che ne ga lassa un tesoro che xe
deo spirito, e no se conta coi schei. El nostro poeta Rizzi li ga dipinti co sti versi i nostri veci nei campi: “i us! a a vang a cofà na spada lustra”, par dir che ghe se na
nobiltà del lavoro che xe mejo de quea de chi se grata el da drio e vive soe spae dei altri.I schincapene che dixe che el veneto xe da desmentegar no i capisse che drento na legua ghe se
na storia, l’anema de un popolo, na maniera de star al mondo, de frontar e tempestade e i morsegon dea vita, de voerse ben e compatirse, de pregar e de bestemar co ‘serve. “No” – se incassa i
sapienti –  “No se na lengua, ma un diaeto”.  E quala saria a diferensa? Un parlar xe diaeto se no ga na gramatica “unificata”, dixe qualcun. Ma xe proprio vero? A lengua materna a xe
viva, par questo se confà ai posti, ae diverse abitudini di chi ghe dà fià. Xe e lengue “nazionali” –  incucae a forsa nee menoche de xenti abituade a parlar come che se
magna e come ghe ga insegnà so pare e so mare – che ga bisogno de na “grammatica unificata”. Lo sa ben i “studiosi di linguistica”.

Ma a quei che no ghe comoda, ghe vanta ‘ncora de dir che anca se fosse na lengua, a xe “disadattava, perché distoglie dall’imparare l’italiano”. Ste bestie che no rumega no ga leto gnente
de queo che scrive i esperti, cioè che  pi’ lengue  se impara e mejo xe, parché el nostro cervel se impronta a usar altri parlari. E che se riscia, a no parlarghe in
veneto, che i bocie invese de imparar l’italiano “sviluppino una doppia incompetenza linguistica” – che sona proprio come na bruta malatia.

Allora, i nemici dele lengue materne la buta in poitica: se vol desfar a nathion, costruida co tanta fadiga e sacrifizi! I xe come i moscon, xe fa fadiga a destrigarse de lori. Ma xe so mare bona
che no i se ricorde che fra i patrioti del Risorgimento ghe gera xente che ga combatuo par el tricolore col leon de San Marco drento?

L’Italia a fasemo mejio de come che la ga tirada su i Savoia, i Fascisti e i Centralisti, se tornemo a tirar fora le Comunità locali co’ e so lengue. Come ga dita el Tommas! eo, un p opolo
xe a so memoria. E a memoria de un popolo sta nela so lengua. Quea veneta conserva paroe che ga origini slave, greche, arabe, crucche, ungare, parché la Serenissima iera uno stato da mar e
par questo gaveva mestieri co tutti. Mi son fiero de essar Veneto. Marguerite Yourcenar nel so romanzo “Memorie di Adriano” fa dir all’imperatore che ne i so monumenti e epitaffi sarà
usà el latino, ma che lu ga vissuo e pensà in Greco. Mi, come el “settanta per cento” dei Veneti de ancò, adoparo l’Italiano nei momenti importanti, ma parlo in veneto co ghe
xe robe serie. 

www.lucazaia.it 

Leggi Anche
Scrivi un commento