Turni bocciati a Powertrain

Torino – “Un grave errore che priva la principale azienda piemontese di un elemento di competitività fondamentale nell’attuale sistema industriale”, così Gilberto Pichetto,
consigliere regionale di Forza Italia, valuta la bocciatura da parte degli addetti di Powertrain di Mirafiori dell’accordo per l’effettuazione di 17 turni anziché 15.

“Non voglio certo sottovalutare – dice Pichetto – la pesantezza del lavoro su turni, e le conseguenze sulla vita personale e familiare di questi lavoratori, ma in tal modo si priva l’azienda di
uno strumento di flessibilità per rispondere alle sfide competitive. A fronte dell’aumento della domanda, è necessario rendere più elastica la struttura produttiva,
altrimenti poi non ci si deve lamentare delle delocalizzazioni. Inoltre Fiat aveva offerto 250 assunzioni in tre anni, stabilizzando i lavoratori precari. Non riesco a capire davvero i motivi
di questo no. Quando c’è stato da dire parole chiare su Fiat, non ci siamo tirati indietro, ma questa volta mi sembra che il risultato della consultazione sia un segnale di una
radicalizzazione negativa dei rapporti tra datore di lavoro e dipendenti. Occorre che il sindacato torni a ricoprire un ruolo forte di rappresentanza, assumendosi le sue responsabilità”.

Leggi Anche
Scrivi un commento