Trenitalia approva le norme per far viaggiare i cani in treno

 

Firenze – Nonostante le dichiarazioni di compiacimento del sottosegretario al Welfare Francesca Martini, e al Turismo, Michela Brambilla, le nuove norme di Trenitalia per far
viaggiare i cani sui treni sono un passo indietro sulla strada della civiltà e dei servizi al cittadino.

Una premessa e’ fondamentale per capire il gioco sporco di Trenitalia e come ci sono cascate le nostre autorita’. Nei mesi scorsi e’ stato creato un caso inesistente: i cani che
sporcano i treni. Una cimice (che e’ presente solo sugli umani e non su cani e gatti) trovata su un treno e’ stata trasformata in zecca e su questo e’ partito il divieto assoluto per i
cani, poi sospeso grazie all’intervento del sottosegretario Martini. Il risultato oggi ottenuto da Trenitalia e’ del tipo “chiedi l’assurdo e poi si accontenteranno di qualunque norma
sia un po’ meno dell’assurdo”.

Le norme oggi approvate sono infatti un arretramento rispetto alla situazione precedente, già carente, e una sorta di cortina fumogena che Trenitalia ha lanciato per coprire le
proprie inadempienze e inadeguatezze per tenere pulite le vetture.

I cani (tranne quelli micro) continueranno -assurdamente- a non poter viaggiare sugli Eurostar, mentre sugli altri treni ci sono nuove restrizioni (solo nell’ultimo scompartimento o
negli ultimi sei posti delle carrozze a salone, solo nelle piattaforme per i regionali con l’inibizione in orario 7-9 feriale) che limitano moltissimo il servizio. Altra novita’
restrittiva riguarda le cosiddette razze pericolose: per loro il treno non esistera’ piu’, anche se come gli altri cani saranno con guinzaglio e museruola. La lista dei “cani
pericolosi” potrebbe anche non esistere piu’ in futuro, ma ora c’e’ e non si sa, a parte le dichiarazioni, se verra’ soppressa o meno.

Una retromarcia, quindi. Quando i servizi di pubblica utilita’ (e in monopolio) non vengono incontro alle maturate esigenze dei cittadini (sono sempre piu’ numerose le persone con
animali domestici) e non ne favoriscono lo sviluppo, siamo di fronte ad una violazione del diritto alla mobilita’ delle persone. Grazie Trenitalia, grazie sottosegretario Martini: ci
siamo sbagliati nel valutare il vostro impegno, per voi e’ solo importante mettere “una pezza” sulle incapacita’ del servizio pubblico monopolista.

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

 

Leggi Anche
Scrivi un commento