Treni, Ferrero (FI): «troppi ritardi nelle coincidenze»

Torino – Il passante ferroviario tra la Stazione Lingotto e Porta Susa probabilmente produrrà vantaggi nel prossimo futuro, per ora però questi risultati restano
solo sulla carta, certi sono invece i disservizi che i prolungati lavori arrecano ai pendolari, a interrogare la Giunta sul problema è Caterina Ferrero, consigliere regionale di Forza
Italia.

«Sono innumerevoli le segnalazioni di lavoratori che denunciano pesanti ritardi dei treni delle Fs. – dice l’azzurra – e quasi sempre, il mancato rispetto degli orari si traduce in
coincidenze perse verso i paesi e le città della prima e seconda cintura di Torino. Anzi sulla tratta Settimo-Rivarolo i convogli di Trenitalia sembrano essere puntuali nei ritardi,
immancabilmente tra i 10 e i 15 minuti, causando la perdita delle coincidenze dei treni regionali garantiti da Gtt. Tale situazione è intollerabile, non solo a fronte degli aumenti
subiti sul costo dei biglietti dei treni, ma soprattutto per l’allungamento dei tempi di spostamento e percorrenza all’interno della nostra area metropolitana. E’ incredibile che per
raggiungere Rivarolo da Torino, un pendolare debba impiegare un’ora e mezza».
Ferrero chiede quindi spiegazioni in un’interrogazione all’assessore competente.
«Vogliamo conoscere le ragioni – dice – che portano ad ammettere un ritardo non superiore ai 3 minuti per i treni della Gtt, ma che tollerano quelli ben superiori dei mezzi Trenitalia.
Desideriamo inoltre sapere i motivi dei ritardi cronici dei convogli regionali che partono dal Lingotto con direzione Settimo e perché, a fronte delle numerose segnalazioni pervenute,
non si sia prodotto un cambio degli orari per meglio coordinarlo con quello delle coincidenze».
«Diventa poi indispensabile avere notizie circa lo stato del crono-programma dei lavori sul passante tra Lingotto e Porta Susa – conclude Ferrero. I lavori sul nuovo palazzo della
Provincia stanno procedendo con regolarità, devono partire quelli per la costruzione del grattacielo Intesa San Paolo. Non vorremmo che vengano ultimati prima della riapertura totale del
collegamento».

Leggi Anche
Scrivi un commento