Torna la mucca pazza? Addirittura l’orata pazza?

Torna la mucca pazza? Addirittura l’orata pazza?
Cosa c’è di vero? Perchè il Ministero della Salute non ci informa su ciò che sta succedendo, nonostante le morti sospette? Pare che siano già cinque i morti; quanti ce ne vogliono ancora per avere un quadro veritiero e soluzioni adeguate dagli enti preposti alla nostra sicurezza?
La colpa ovviamente del morbo BSE* che, senza alcun ritegno verso il Diritto Vacanze di agosto dei nostri funzionari, ha pensato bene di presentarsi proprio in questi giorni.
Abbiamo fatto una ricerca su internet ed ecco il risultato. A parlarne non sono solo blogger scandalistici o terristi del web… e nemmeno è una bufala che l’Europa abbia ridato il via, dopo 12 anni dalla mucca pazza, dell’uso delle farine animali.
Giuseppe Danielli
Google News, Giovedì 7 agosto
“Mucca pazza”

Risultati di ricerca

  1. Mucca pazza, esposto in sei procure

    Il Tempo-2 ore fa
    C’è il caso dell’impiegata di Cagliari, morta il 25 aprile scorso per il morbo di Creutzfeldt-Jakob, una variante del malattia della «mucca pazza».
    Attenzione all’orata… pazza!
    inGusto-13 ore fa

    Approfondisci (Altri 2 articoli)
  2. Mucca Pazza: la Russia vieta l’importazione di carni bovine dalla

    La Voce della Russia-13 ore fa
    Il Servizio Federale di Sorveglianza Veterinaria e Fitosanitaria russo, ha vietato oggi ha vietato le importazioni di bovini vivi, carne di manzo, …
  3. Arriva il primo test per la diagnosi del morbo della mucca pazza

    Affaritaliani.it-12 ore fa
    Una ricerca dell’Istituto Neurologico “Carlo Besta” e della University of Texas Medical School ha sviluppato un nuovo test per diagnosticare …
  4. Mucca pazza, Sars, aviaria: quando il mondo va in tilt

    Vanity Fair.it-05/ago/2014
    Il caso che ha fatto scuola è quello della mucca pazza, che nel 2001 segnò profondamente la filiera alimentare. Alla fine, dopo tutte le …
  5. Dopo la mucca pazza arriva l’orata pazza. Nuovo allarme cibo

    Consumerismo-05/ago/2014
    Dopo la mucca…attenzione all’orata pazza! Codici sconsiglia l’assunzione del pesce e lancia l’allarme sulle farine animali: nessun controllo, …
  6. TorinoToday

    Colleretto Giacosa, incendio doloso al ristorante Mucca pazza

    La Sentinella del Canavese-22/lug/2014
    Nella notte tra lunedì e martedì incendio al ristorante Mucca pazza, devastato il dehors e bruciata buona parte della copertura. Le immagini …
  7. Ritorna l’allarme “mucca pazza”? 7 casi sospetti in 4 mesi

    Cinque Quotidiano-25/lug/2014
    «In soli 4 mesi si sono verificati ben 7 casi di decessi presumibilmente causati dal morbo della mucca pazza. Erano persone con stili di vita …
  8. Mucca pazza: casi in Lombardia, Toscana, Marche, Sardegna

    Consumerismo-01/ago/2014
    È questa la domanda che si pongono i consumatori quando sentono parlare di “mucca pazza”. E negli ultimi mesi sembra che la questione sia …
    Mucca pazza, “nessun rischio in Italia”
    tofood – Declinazioni attorno al cibo-01/ago/2014

    Approfondisci (Altri 2 articoli)
  9. Segui Fai Informazione su

    informazione.it (Comunicati Stampa)-9 ore fa
    06/08/2014 A 12 anni dal boom della mucca pazza l’Unione europea ha riammesso le farine animali. Le farine animali, cioè mangimi prodotti …
  10. Guerra economica Usa-Russia: Putin blocca l’import occidentale per

    Fanpage-12 ore fa
    Ufficialmente ciò è stato motivato da presunti casi di mucca pazza che, secondo le autorità russe, avrebbero potuto infettare le carni provenienti …
    *Redazione Newsfood.com
    Note su BSE da Wikipedia
    Il primo caso di BSE è stato identificato nel Regno Unito nel 1986 quando il Laboratorio centrale di veterinaria di Weybridge (Surrey) identificò, in un allevamento nella regione dell’Hampshire, un esemplare dal quadro clinico preoccupante.[1]

    L’insorgenza della malattia è da ricollegarsi, più che all’uso di farine di carne, a modifiche nel processo di produzione delle stesse: per eliminare l’eccesso di grassi si usavano dei solventi potenzialmente pericolosi e/o cancerogeni; sospetti di tossicità sul solvente che li doveva sostituire, fecero sì che se ne abbandonasse l’uso, sostituendolo con un processo di semplice pressione, in cui però le temperature raggiunte non erano più in grado di inattivare i prioni, (come invece avveniva nell’uso di solventi). Otto anni dopo la comunità europea ha messo al bando definitivamente questa pratica evitando, in questo modo, il riciclaggio dell’agente infettante attraverso l’utilizzo di carcasse di bovini malati nella produzione di farine di carne ed ossa destinate all’alimentazione animale.

    In Italia, per contrastare il fenomeno vennero presi diversi provvedimenti normativi: con il decreto del Presidente della Repubblica 19 ottobre 2000 n. 437 di istituzione della cosiddetta “anagrafe bovina” e con legge 9 marzo 2001 n. 49, che dispose per la distruzione del materiale specifico a rischio per encefalopatie spongiformi bovine e delle proteine animali ad alto rischio, e con l’etichettatura delle carni bovine che consente la tracciabilità e la trasparenza delle informazioni ai consumatori.
    Anche il Ministero della Sanità intervenne – con l’ordinanza di marzo 2001 – con cui si vieta la vendita delle parti del bovino che interessano la colonna vertebrale e i gangli, il cervello e le “frattaglie”, stabilendo inoltre l’etichettatura delle carni bovine che consente la tracciabilità e la trasparenza delle informazioni ai consumatori.

    L’encefalopatia spongiforme bovina (BSE, ossia Bovine Spongiform Encephalopathy) è una malattia neurologica cronica, degenerativa e irreversibile che colpisce i bovini causata da un prione, una proteina patogena conosciuta anche come “agente infettivo non convenzionale”.

    Il morbo è diventato noto all’opinione pubblica come morbo della mucca pazza (in inglese MCD, mad cow disease). La BSE fa parte di un gruppo di malattie denominate encefalopatie spongiformi trasmissibili (TSE) che colpiscono diverse specie animali, compreso l’uomo.

     

    Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento