Spesa alimentare, più cara per i single

Spesa alimentare, più cara per i single

Quando si tratta di fare la spesa, il borsello dei single diventa più leggero di quello dei coniugati con prole: in un mese, singoli arrivano a spendere 320 mentre le famiglie si fermano
a quota 187. Motivo principale, la poco capacità di chi vive da solo di ottimizzare acquisto e trattamento degli alimenti

A fare il punto la Coldiretti, che raccoglie ed elaborazione dati ISTAT.

  Come prima informazione, e già sottolineato, le persone “libere” spendono 320 Euro mensili contro i 187 della famiglia italiana media (2,5 persone).

Inoltre, il loro carrello ha una composizione prevedibile. Al suo interno troviamo carne (75 euro), ortofrutta (60 euro), pane, pasta e derivati dai cereali (50 euro), poi latte e derivati, in
Yogurt (45 euro). Completano la lista le bevande (31 euro), pesce (26 euro), zucchero, caffè (22 euro) e all’ultimo posto, oli e grassi (12 euro).

Principalmente, e questo il nocciolo dell’indagine, la spesa dei single è più cara di quella delle famiglie soprattutto poiché meno efficiente.

Secondo Coldiretti, chi vive da solo compra gli alimenti in formati più cari (ad esempio i piatti pronti) e non raramente inadatti alle necessità. Perciò, il consumo
limitato unito alle dimensioni elevate ed alla scarsità di tempo (“prenotato” da cibo e svago) aumenta la quota di cibo che finisce nella spazzatura.

Ulteriore problema, i limiti nella capacità gestionale. Ad esempio, mettere i prodotti a scadenza rapida (come pasta e formaggi freschi) in fondo al frigo: questi deperiscono e spesso
ritornano alla mente quando la data di scadenza è ormai superata.

Non tutto è però perduto ed il single distratto e spendaccione non è l’unico modello possibile. Secondo Coldiretti, esiste infatti una tendenza in rapida crescita, specie
tra i giovani. E’ quella del nuovo single, amante della cucina ed attento a cosa finisce in tavola, perciò capace di scegliere bene al momento di comprare e di gestire bene gli alimenti
acquistati.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento