Smaltimento dei rifiuti e delle acque reflue delle aziende agricole

Come smaltire correttamente i rifiuti e le acque reflue delle aziende agricole: questo il tema di un ciclo di corsi organizzati dall’Alsia, l’Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in
Agricoltura, per fare chiarezza su norme e decreti che, negli anni, hanno fissato regole sempre più complesse per tutelare ambiente e territorio.

Non poche le difficoltà degli imprenditori agricoli, chiamati ad una serie di adempimenti amministrativi ed operativi per svolgere attività «sostenibili» e non
incorrere nelle sanzioni previste dalla normativa. Plastiche, confezioni di prodotti fitosanitari, batterie esauste dei motori dei trattori, farmaci veterinari scaduti, oli vegetali delle
cucine degli agriturismi, rappresentano un problema per gli agricoltori che devono disfarsene. Con questi corsi, incentrati sui rifiuti prodotti in agricoltura e classificati, secondo la
normativa nazionale, come «rifiuti speciali» – pericolosi e non pericolosi – l’Alsia punta dunque a far conoscere le tecniche da seguire per contenere e prevenire la produzione di
rifiuti, innovando ad esempio i processi produttivi, e poi per disfarsi correttamente di quelli prodotti, conferendoli ai soggetti autorizzati.

Negli incontri si parlerà pure dello smaltimento delle acque reflue, che tocca particolarmente le aziende zootecniche, su cui vige una normativa europea denominata «Direttiva
nitrati», recepita a livello regionale, per la salvaguardia dei terreni e delle falde sotterranee dall’inquinamento da nitrati.

I ciclo dei corsi, organizzato d’intesa col Dipartimento Agricoltura, Sviluppo Rurale ed Economia Montana della Regione Basilicata, rientra nel progetto dell’Agenzia su «Formazione a
catalogo degli operatori agricoli per i processi ed i sistemi produttivi» per il 2007-2008, finanziato con risorse del Por, il Programma Operativo Regionale 2000-2006. Ciascun corso
avrà una durata di 8 ore, e le lezioni saranno replicate in 8 comuni della Basilicata: Villa d’Agri, Aliano, Metaponto, Senise, Matera, Lavello, Melfi e Bella. Il ciclo delle lezioni
inizierà il 5 febbraio e terminerà il 21 febbraio.

La partecipazione ai corsi è gratuita. Destinatari sono gli imprenditori, i coadiuvanti, i tecnici e gli operai che lavorano stabilmente nelle aziende agricole, ma potranno intervenire
in veste di uditori, anche tecnici e produttori interessati. Ci si può iscrivere in anticipo al corso desiderato contattando gli uffici dell’Alsia sul territorio, oppure tramite
internet, utilizzando il motore di ricerca attivato sul portale dei Servizi di Sviluppo Agricolo regionale all’indirizzo web www.ssabasilicata.it , canale Formazione.

ALSIA Corso rifiuti

Il Dirigente dell’Areaa
Comunicazione e Coordinamento
(dott. Sergio Gallo)

Leggi Anche
Scrivi un commento