FREE REAL TIME DAILY NEWS

“Slow Food” a Fermentazioni 2015 Officine Farneto Roma 11-13 settembre

“Slow Food” a Fermentazioni 2015 Officine Farneto Roma 11-13 settembre

By Giuseppe

“Slow Food” a Fermentazioni 2015
Officine Farneto Roma 11-13 settembre

Pronti con il nuovo evento “Fermentazioni” alla sua terza edizione, ad Officine Farneto a Roma e pronti ad una collaborazione con i “presidi” di Slow Food.
Slow Food è un’associazione internazionale che nasce nella città di Bra, in provincia di Cuneo  fondata da Carlo Petrini nel 1986. Slow Food è impegnata a ridare valore al cibo, nel rispetto di chi produce, in armonia con ambiente e natura ed inoltre studia, difende e divulga, le tradizioni agricole ed enogastronomiche di ogni parte del mondo.
Il progetto dei Presìdi è diventato uno dei veicoli più efficaci per mettere in pratica la politica di Slow Food sull’agricoltura e sulla biodiversità, e quest’anno al bistrot Fermentazioni e Slow Food saranno presenti insieme ad altri prodotti italiani.

Nell’ambito della manifestazione romana si potranno assaggiare:

Il Caciofiore della campaga romana dell’azienda Agricola Acquaranda di Massimo Antonini. Il caciofiore può essere considerato un antenato del pecorino romano ma è realizzato immergendo nel latte crudo, intero, il caglio vegetale ottenuto dal fiore di carciofo o di cardo selvatico (di colore viola intenso) raccolti nel periodo estivo proprio nei terreni dell’azienda. Questo formaggio si presenta con una crosta “grignosa” e di color giallognolo che racchiude una pasta morbida e cremosa; il profumo così come il sapore amarognolo ricordano leggermente quello del carciofo selvatico.

Marzolina[1]La MARZOLINA dell’Azienda Agricola Benacquista di Loris Benacquista. È un piccolo formaggio che un tempo si produceva solo nel primo periodo di lattazione della capra, nel mese di marzo, appunto, da cui il nome. Si ricava con il latte di due mungiture coagulato con caglio di capretto; ha una forma cilindrica allungata di color bianco latte. Il sapore è delicato leggermente acido se fresca, più forte tendente al piccantino.

La SUSIANELLA di Viterbo del Salumificio Coccia di Simonetta Coccia. Un insaccato tradizionale, tipico della città di Viterbo. Tratto da una ricetta che risalirebbe alla civiltà etrusca, ha trovato la sua celebrità tra l’XI e il XV secolo, quando si è diffusa la lavorazione delle frattaglie.

Susianella-600x600[1]Il Presidio vuole fare opera di educazione al consumatore, riportando in vita e non facendo mai morire sapori e quindi prodotti non omologati, ma attenti alla qualità, alla stagionatura e al territorio.

Valentina Colapietro
per Newsfood.com

 

Contatti: Redazione Newsfood.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: