Sigep torna negli USA (Atlantic City, 21 22 e 23 marzo 2010)

Sigep torna negli USA (Atlantic City, 21 22 e 23 marzo 2010)

Dopo il successo dell’edizione 2008 , nel 2010 torna SIGEP USA, vetrina delle eccellenze della produzione dolciaria artigianale italiana, da sempre una delle più ammirate ambasciatrici di
tutto il made in Italy. Il Salone Internazionale si svolgerà al Convention Center di Atlantic City (New Jersey) il 21, 22 e 23 marzo 2010 nell’ambito dell’American Bakery Expo. L’evento
sarà organizzato da Rimini Trade Fair Inc. e Frozen Desserts Expo LLC, organizzatore fieristico che presidia negli Stati Uniti il segmento delle esposizioni su panificazione e dolciario
artigianale.

“Rimini Fiera – spiega il direttore di business unit Patrizia Cecchi – continua a sviluppare piani di internazionalità a favore delle aziende espositrici, ben sapendo quanto sia per loro
importante abbordare nuovi mercati idonei a sviluppare il business. Investendo sulla seconda edizione di SIGEP USA andremo a verificare le potenzialità di un mercato molto interessante per
il dolciario artigianale italiano, un mercato dalle grandi prospettive anche in un momento difficile come l’attuale. Il nostro progetto mira a sviluppare al massimo le peculiarità del made
in Italy, promuovendo l’intera filiera del gelato”.

Numerose le aziende americane e italiane (nel 2008 furono 160) che presenteranno i loro prodotti, rivolti ad un mercato, quello della gelateria USA, che mostra prospettive di sviluppo importanti,
visto che negli ultimi cinque anni s’è assistito al raddoppio della produzione sul suolo americano. Qualche numero può meglio dare la dimensione del fenomeno: sono circa 1.500 le
vere e proprie gelaterie presenti negli Stati Uniti, 5.000 i locali di ice cream che vendono qualche tipo di gelato artigianale. Fra i 50 e i 75 sono invece i produttori e distributori di gelato,
che vendono direttamente a dettaglianti, bar e ristoranti. Poco meno di una decina le aziende di forniture specializzate in impianti per il freddo dedicati espressamente al gelato.

Altrettante le rappresentanze di aziende italiane del settore. Oltreoceano, il gelato italiano è ritenuto un prodotto di alto livello qualitativo sotto il profilo non solo del gusto , ma
soprattutto delle caratteristiche nutrizionali. In territorio americano, infatti, è alta la sensibilità verso il consumo di alimenti sani e a basso contenuto calorico che possano
entrare nelle abitudini alimentari di una popolazione avvezza a cibi ipercalorici. Ed è inevitabile che il classico gelato artigianale italiano, meno grasso, sia altamente competitivo nei
confronti dell’ice-cream di produzione industriale, dunque destinato a crescere sul mercato locale. Le sempre più numerose gelaterie presenti nella maggior parte delle metropoli
statunitensi dimostrano quanto stia aumentando il favore “popolare” nei confronti di questa delizia dolciaria.

“E in un’ottica di sviluppo del settore – spiega Giorgia Maioli, project manager della manifestazione – è alto l’interesse verso l’intero ‘sistema gelato’ italiano con i suoi prodotti, gli
ingredienti, le attrezzature e le professionalità coinvolte. Il know-how del made in Italy è, in pratica, molto ambito dagli operatori statunitensi, e non solo. In questo scenario
le opportunità di business sono allettanti per le aziende italiane”. SIGEP USA rappresenta dunque per gli imprenditori italiani una vetrina internazionale importante, affacciata su un
mercato dalle potenzialità enormi e che sta già cominciando a reagire alla crisi economica globale. La manifestazione americana è collegata da un filo rosso con l’edizione
italiana (la 31esima edizione di SIGEP si terrà a Rimini Fiera dal 23 al 27 gennaio 2010), dove numerosa sarà la delegazione americana in visita, senza contare i maestri gelatieri
americani che interverranno alla Coppa del Mondo di Gelateria. Ricordiamo anche che quest’anno, a Rimini, SIGEP sarà affiancato dalla novità SIGIFT, Salone della Bomboniera,
Confetteria, Decorazione e Regalo, organizzato da Rimini Fiera e Tutto Fiere.

Leggi Anche
Scrivi un commento