Si è tenuto a a Genova il convegno “Crisi economica, bilancio societario e fiscalità”

Si è tenuto a a Genova il convegno “Crisi economica, bilancio societario e fiscalità”

Molte imprese stanno provvedendo a chiudere il bilancio per il 2008, anno in cui è esplosa una crisi economica e finanziaria di dimensioni internazionali. Giunge in un momento
particolarmente opportuno il convegno “Crisi economica, bilancio societario e fiscalità”, organizzato dalla Direzione regionale dell’Entrate, con l’Ordine dei dottori commercialisti ed
esperti contabili e Confindustria Genova. Particolare attenzione è stata dedicata al tema della determinazione del reddito per i soggetti che utilizzano i principi contabili definiti
dagli IAS. Infatti, se fino al 2007 vigeva il principio della cosiddetta “trasparenza fiscale” per cui l’applicazione degli IAS doveva essere fiscalmente indifferente, grazie ad un complesso
sistema di deduzioni extracontabili, oggi non è più così. Il soggetto che applica tali principi dovrà fare quindi una particolare attenzione ai meccanismi di
determinazione del reddito. Questo il focus dell’intervento di Sandro Galardo, responsabile dell’ufficio Governo grandi contribuenti della Direzione accertamento dell’Agenzia delle Entrate. Ma il
tema è stato anche affrontato dagli interventi di Enrico Macario, della Direzione regionale Liguria dell’Agenzia delle Entrate, e di Luisella Bergero, commercialista e revisore contabile.
Hanno completato il panel dei relatori Giulio Andreani, professore di diritto tributario alla Scuola superiore dell’economia e delle finanze, e Patrizio Braccioni, responsabile degli affari
fiscali del gruppo Unicredit, che hanno affrontato le tematiche relative alle novità sugli interessi passivi e quelle sulle valutazioni di bilancio in rapporto alla crisi economica.

Leggi Anche
Scrivi un commento