Nutrimento & nutriMENTE

Scuola e legalità, firmato a Casal di Principe il protocollo d'intesa

By Redazione

Napoli, 11 Ottobre 2007 – E’ stato firmato stamattina, presso l’aula consiliare del comune di Casal di Principe, il protocollo di intesa tra la Regione Campania, le amministrazioni
comunali di Casal di Principe e San Cipriano d’Aversa, i dirigenti scolastici e le associazioni presenti sul territorio, per il rilancio della scuola e per l’educazione alla legalità.

L’iniziativa fu annunciata durante l’inaugurazione dell’anno scolastico, avvenuta alla presenza del Presidente della Camera dei Deputati Fausto Bertinotti e dello scrittore Roberto Saviano.

«Grazie ad una disponibilità di 2 milioni e mezzo di euro per l’edilizia scolastica nei prossimi due anni – ha dichiarato l’Assessore regionale all’Istruzione Corrado Gabriele –
realizzeremo un primo urgente intervento di circa 500 mila euro per gli istituti particolarmente disagiati del territorio, al fine di metterli in sicurezza a norma della legge 626. Abbiamo
altresì deciso di predisporre un progetto di rilancio complessivo del sistema-scuola del territorio, con la costruzione, nella roccaforte del clan dei casalesi, di un grande istituto
comprensivo, su un terreno confiscato alla camorra».

Le istituzioni porteranno nel casertano anche possibilità formative e occasioni di lavoro: «Saranno attivate – precisa Gabriele – 50 borse lavoro, destinate a giovani diplomati
dell’istituto Carli dell’ITC di Casal di Principe e del Liceo Scientifico di San Cipriano d’Aversa. Si tratta di un supporto formativo con tirocini in aziende e un accompagnamento di 450,00
euro mensili per sei mesi».

Nel protocollo si fa riferimento anche al progetto “Scuole aperte”, con l’apertura delle scuole di pomeriggio. I progetti presentati sono 5: 3 per Casal di Principe e 2 per San Cipriano
d’Aversa, per complessivi 250 mila euro. La procedura è in corso e verrà espletata entro il 20 ottobre.

Il tema della legalità verrà promosso infine anche dalla legge regionale 39/85, che sostiene le associazioni che si impegnano per il volontariato civile, laico e religioso, per
iniziative di educazione alla legalità, partecipazione democratica, contrasto alla criminalità organizzata.

Alla firma del protocollo era presente anche l’associazione Don Peppe Diana, che attraverso il portavoce Valerio Taglione chiede alle Istituzioni, anche a nome delle altre associazioni
presenti, di seguire l’attuazione del protocollo in tutte le sue fasi.

In sintonia con la richiesta delle associazioni, l’Assessore Gabriele ha precisato che sarà predisposta «una verifica semestrale dello stato di attuazione del protocollo ed il
costante monitoraggio degli interventi realizzati».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: