Sabato la Consulta biellese del trasporto ferroviario

Biella – Appuntamento alle 10 in Provincia sabato 5 aprile per il prossimo incontro della Consulta provinciale dei trasporti, convocato dall’assessore Marco Abate, sarà
l’occasione per illustrare a tutti i partecipanti i lavori di riammodernamento della stazione di Biella che inizieranno il 21 aprile e di orari ferroviari.

I lavori alla stazione di Biella – 7 milioni e 600 mila euro per una serie di interventi che puntano a migliorare il servizio – sono stati concordati con Regione Piemonte e Rfi (che
finanzieranno i lavori metà ciascuno) su impulso della Provincia.

L’intervento più importante, che costerà oltre 7 milioni, è la realizzazione degli scambi automatici Acei (acronimo di Apparato centrale elettrico a pulsanti di itinerario,
il sistema più diffuso per movimentare convogli ferroviari all’interno delle stazioni).

Sono in programma anche il prolungamento del marciapiede principale e la realizzazione di un sottopassaggio, che saranno finanziati con la parte restante della cifra a disposizione.

Nella riunione di sabato si valuteranno anche le precauzioni necessarie a ridurre al minimo i disagi durante i lavori. Che «naturalmente potranno esserci – spiega Abate – ma si
tratterà solo di piccoli cambiamenti che sono certo non creeranno problemi. Resta il fatto che questa dell’inizio dei lavori è una notizia particolarmente gradita ed è
anche il risultato tangibile di un lungo lavoro e di un interesse dimostrato da Rfi e dalla Regione per il Biellese. Possiamo dire che dal 21 aprile inizia il futuro delle nostre
ferrovie».

La Consulta del trasporto ferroviario è nata nel gennaio scorso da un’idea dello stesso Abate per mantenere alta l’attenzione su una risorsa estremamente importante per i cittadini
biellesi, specie per coloro che quotidianamente si spostano per motivi di lavoro o di studio, ma anche per chi si muove in treno nel tempo libero. Lo scopo è di avere un contatto
continuo con un gruppo selezionato di persone che, a vario titolo, sono legate al mondo ferroviario.

Leggi Anche
Scrivi un commento