Riforma Comunità montante, Toselli (FI): «il Governo sfugge al confronto»

Torino – Scandaloso il comportamento del governo Prodi sulla riforma delle Comunità Montane: così Pietro Francesco Toselli, consigliere regionale di Forza Italia,
interviene in merito alle norme della finanziaria 2008, che prevede un accorpamento delle Comunità Montane entro il prossimo 30 giugno.

«E’ grave e irresponsabile l’atteggiamento del governo – dice Toselli – di fronte alle Regioni che da mesi chiedono un confronto politico, per procedere nell’applicazione della norma
contenuta nella finanziaria che riguarda le Comunità montane. E’ stata convocata una riunione da tempo prevista presso il ministero degli Affari Regionali. Ci sono problemi
interpretativi della norma, e finora, a livello tecnico, mi risulta che i tre Ministeri interessati, Economia, Affari Regionali e Interni, abbiano fornito soluzioni discordanti».

Toselli sollecita dunque la Giunta Bresso a chiedere di riaprire il confronto a livello di Conferenza delle Regioni «perché non si può procedere autonomamente, dando
attuazione in modo diverso da Regione a Regione alle stesse regole. Sono già passati quasi tre mesi e ne restano altrettanti, prima della scadenza del 30 giugno che rischia di cadere
come una mannaia sulle Comunità Montane. Facendo così venire meno tutta una serie di servizi e una preziosa presenza sul territorio, proprio nelle aree più
disagiate».

«Spero che anche i ministri di Prodi, impegnati nella campagna elettorale del Pd – conclude Toselli – abbiano un sussulto di responsabilità e vogliano chiarire gli aspetti ancora
controversi. Sarebbe troppo comodo, dopo aver voluto inserire la riduzione delle Comunità in finanziaria, lasciare la patata bollente al futuro governo. In ogni caso credo che sia
inevitabile, e auspicabile, ottenere almeno una proroga della scadenza a fine 2008, per evitare scelte affrettate che, ripeto, in questo momento le Regioni non sono neppure in grado di
fare».

Leggi Anche
Scrivi un commento