Rifiuti, Caramanico: «nel 2008 ampliamento di altri impianti»

L’Aquila – Il carico di smaltimento che sta sopportando la discarica di Cerratina a Lanciano «verrà alleggerito entro il 2008 con l’ampliamento di altre discariche»,
è quanto ha assicurato l’assessore all’Ambiente, Franco Caramanico, alla delegazione dei sindaci appartenenti al consorzio rifiuti.

Caramanico ha illustrato una serie di lavori di ampliamento di impianti che permetteranno di conferire rifiuti provenienti da Teramo e L’Aquila. «Contiamo nel 2008 di aumentare
complessivamente di 800 mila tonnellate la capacità di smaltimento di alcune discariche in provincia dell’Aquila e di Teramo. Nella provincia dell’Aquila – ha detto Caramanico – è
già in atto l’ampliamento di circa 100 mila tonnellate della discarica di Sulmona che successivamente avvierà altri due lotti di lavori fino a 300 mila tonnellate.

Stesso discorso per la discarica di Gioia dei Marsi, con capacità effettiva di 300 mila tonnellate. Nella provincia di Teramo – ha spiegato Caramanico ai sindaci – sono in discussione
progetti di ampliamento delle discariche di Tortoreto (300 mila tonnellate), Sant’Omero (40 mila) e Atri (90 mila)». Nella riunione con il presidente della Regione i sindaci hanno
sottolineato la disponibilità finora mostrata dal Consorzio che ha conferito nella discarica di Cerratina «il 44% dei rifiuti provenienti da comuni extraconsortili». I
sindaci hanno inoltre chiesto che i proventi dell’ecotassa (25 euro a tonnellata) che la Campania pagherà siano destinati ai 53 comuni del Consorzio per implementare la raccolta
differenziata; che sia ridotto il quantitativo di rifiuti concordato con il commissario straordinario De Gennaro e che vengano potenziati i controlli sia in campo ambientale che sanitario.

Leggi Anche
Scrivi un commento