Redditi on line, la Procura di Roma apre inchiesta per violazione della privacy

Dopo l’intervento del Garante della privacy sul caso delle dichiarazioni dei redditi on line entra in gioco anche la procura di Roma. E’ stato aperto, infatti, un fascicolo sulla vicenda
riguardante le pubblicazioni sul sito del ministero delle Finanze dei redditi dei contribuenti italiani.

Il procuratore aggiunto Franco Ionta ha deciso di procedere per il reato di violazione della privacy. Obiettivo dell’indagine è verificare se la pubblicazione dei dati possa aver creato
pregiudizio per i contribuenti. Ieri il Codacons aveva annunciato l’invio di denunce a 104 procure italiane affinché si indagasse sulla vicenda.

Leggi Anche
Scrivi un commento