FREE REAL TIME DAILY NEWS

Quote latte, gli allevatori cremonesi si Confagricoltura: “Non accettiamo sanatorie”

Quote latte, gli allevatori cremonesi si Confagricoltura: “Non accettiamo sanatorie”

By Redazione

“Sulla querelle infinita delle quote latte e relative multe non possiamo accettare che vi siano sanatorie, o abbuoni, o qualsiasi altra corsia preferenziale diversa da ciò che le leggi
119 e 33 , con i relativi provvedimenti collegati, prevedono”. Così il presidente della Libera associazione agricoltori cremonesi, Antonio Piva, interviene confermando massima fiducia e
sostegno al ministro delle Politiche agricole, Giancarlo Galan, e alla sua linea del rigore. “Se qualcuno pensa a possibili scappatoie in extremis – ha proseguito Piva – sappia che, se
ciò accadesse, siamo ben decisi a pretendere che ci vengano restituiti fino all’ultimo centesimo i soldi spesi per l’acquisto delle quote latte e anche quelli versati dagli allevatori
che hanno pagato le multe sugli splafonamenti produttivi aderendo alla rateizzazione”.

Da parte sua il presidente nazionale di Confagricoltura, Federico Vecchioni aggiunge:”E’inutile che poche centinaia di allevatori tentino di forzare la mano per ottenere privilegi a danno di
chi si è comportato correttamente. In questi anni sono state offerte, a chi ha voluto farlo, tutte le possibilità per mettersi in regola, oggi è strumentale e provocatoria,
oltre che assolutamente non corretta sotto il profilo sindacale, ogni iniziativa indirizzata verso la persona del ministro. Una tempestiva e puntuale applicazione dalla normativa sulle quote
latte è l’unico modo per riportare alla normalità il settore senza creare sperequazioni tra chi le leggi le ha rispettate e chi le ha aggirate”.

Confagricoltura.it
Redazione NEWSFOOD.com + Web TV

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: