Quote latte: Bisogna sospendere il pagamento in scadenza il 30 giugno

Quote latte: Bisogna sospendere il pagamento in scadenza il 30 giugno

Venezia – Congelamento della scadenza per 2.000 aziende agricole per regolarizzare la propria posizione, prevista per il prossimo 30 giugno, e avanzare la richiesta, “a tutti i livelli”,
perché sia affidata ai carabinieri “in maniera commissariale”, l’inchiesta per definire chi deve pagare e chi no le multe per le quote latte.   

Sono le proposte che il governatore del Veneto, Luca Zaia, ha avanzato oggi ad una folta rappresentanza di agricoltori, uscendo appositamente dalla sede della Giunta regionale per incontrarli nel
vicino campo dove manifestavano. Zaia ha sottolineato che la commissione di carabinieri, da lui voluta quando era ministro per le politiche agricole, ha recentemente stilato una relazione che
dimostra “che i conti sulle quote latte sono sbagliati, aprendo una discussione di alto profilo giuridico”.

“Noi – ha proseguito Zaia – dobbiamo quindi lavorare perché il 30 giungo non sia più una data di scadenza, perché ho rispetto dei carabinieri e non esiste che mettiamo in
discussione quello che dicono, perché per la prima volta in questo Paese dopo 25 anni di bugie e di malefatte, si è messo un punto fermo, e in attesa di chiarire fino in fondo
questa partita, va congelata la questione”.

“Non riconoscere la relazione dei Carabinieri – ha rilevato il governatore – vuol dire non riconoscere lo Stato”, e ha quindi invitato i dimostranti a “lasciare lavorare i Carabinieri, che oggi
rappresentano l’imparzialità e devono sbrogliare la matassa che ha nodi storici”. Quando tra sei mesi, un anno, due, tre, ha detto ancora Zaia, diranno chi sono i colpevoli, “allora
vedremo chi deve pagare e chi no, ma far pagare oggi non è giusto”.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento