Quintodecimo Terra d’Eclano 2007: entusiasmante, intenso e complesso dal primo all’ultimo sorso

Quintodecimo Terra d’Eclano 2007: entusiasmante, intenso e complesso dal primo all’ultimo sorso

Cisano Bergamasco (BG), 22 marzo 2011. Un vino entusiasmante, intenso, complesso. Fine, elegante, capace di regalare sensazioni fresche ed invitanti. Con il 2007 il Terra
d’Eclano di Luigi Moio e Laura di Marzio
raggiunge il top. Lo dimostra il riconoscimento ottenuto lo scorso anno in occasione della prima edizione Range Rover Diwine Award che ha decretato
il Terra d’Eclano 2007 di Quintodecimo vincitore assoluto.

Ottenuto con le uve provenienti da cinque distinti vigneti di proprietà interamente vitati con Aglianico, vitigno simbolo del territorio, il Terra d’Eclano 2007 è un vino
seducente e raffinato con profumi complessi di frutti di bosco, prugne, liquirizia e caffè. Al gusto presenta una struttura avvolgente con tannini morbidi e setosi ed un lunghissimo
finale in cui prevale un’elegante freschezza minerale su note balsamiche e speziate. Il colore è rosso rubino vivace, cristallino e poco trasparente, consistente nel bicchiere.

L’elevata complessità e la profonda struttura dell’Aglianico conferiscono a questo vino una straordinaria attitudine alla lunga maturazione in bottiglia: dopo la vinificazione il
Terra d’Eclano 2007 trascorre almeno 18 mesi tra barriques nuove e di primo passaggio e almeno 6 mesi in bottiglia. Dell’annata 2007 sono state prodotte 8.800 bottiglie e 152 magnum.

E’ importante ricordare come, in Quintodecimo, la componente armonica e la cura per il dettaglio siano anima di una filosofia generale, riscontrabile non solo nel vino, ma nell’insieme del
prodotto. Ogni bottiglia esce dalla cantina e arriva al consumatore finale all’interno di una bottiglia incartata singolarmente, contenuta solo in cassa di legno e sigillata con un tappo
personalizzato con il logo dell’azienda, il nome del vino e l’annata.

Proposto in esclusiva per l’Italia da Pellegrini Spa, il Terra d’Eclano 2007 è disponibile nelle enoteche e nelle carte vino dei migliori ristoranti presenti nel nostro territorio.

Prezzo al pubblico: 30 euro circa.

SCHEDA TECNICA Quintodecimo Terra d’Eclano 2007

Composizione: Aglianico 100%
Vigneti di origine: varie parcelle della tenuta
Anno d’impianto vigneti: 2001
Altitudine: 420-460 metri
Esposizione: Sud/Est, Sud/Ovest, Nord/Ovest
Terreno: alcuni argillosi altri tufacei
Densità d’impianto: 5000 ceppi per ettaro
Sistema di coltivazione e potatura: controspalliera orizzontale
semplice con potatura a cordone speronato
Resa: 1 kg per ceppo
Epoca di vendemmia: seconda-terza decade di ottobre
Raccolta: manuale in piccole cassette da 15 kg
Vinificazione: all’arrivo in cantina selezione manuale delle uve su tavoli di cernita prima della diraspatura. Fermentazione e macerazione in tini di acciaio ad una temperatura compresa tra
26-30°C. Vinificazione separata delle uve provenienti da ogni singola parcella. Durata della macerazione da 21 a 30 giorni. Fermentazione malolattica in barriques di rovere.
Affinamento: 18 mesi in barriques di rovere di cui 12 prima dell’assemblaggio finale (40% di barriques nuove), 6 mesi in bottiglia.

La Pellegrini Spa

Fondata nel 1904, Pellegrini Spa è l’azienda commerciale di proprietà della famiglia Pellegrini da oltre un secolo attiva nella distribuzione sul territorio italiano di prodotti
vitivinicoli e distillati di alta qualità. Pellegrini Spa distribuisce in esclusiva le etichette di oltre 80 aziende viti-vinicole italiane ed estere con offerte riservate al canale
Ho.re.ca e super Ho.re.ca che vanno dai vini rossi e bianchi, ai distillati e agli Champagne. Per conoscere tutti i prodotti distribuiti da Pellegrini Spa è possibile consultare il sito
internet www.pellegrinispa.net

L’Azienda agricola Quintodecimo

L’azienda agricola Quintodecimo, fondata nel 2001 da Luigi Moio e Laura Di Marzio, sorge su una collina di Mirabella Eclano, in Campania, a poca distanza da Taurasi. Il nome trae origine dal
toponimo Quintum Decimum che, all’inizio dell’VIII secolo d.C, identificava il casale cui si era ridotto l’antico municipium di Aeclanum. La piccola collina, a 420 metri di quota, è
interamente vitata con Aglianico, vitigno simbolo del territorio.

Dal 2006 è stata avviata anche la produzione di vini bianchi dai classici vitigni Fiano, Greco e Falanghina. Passione e studio uniti a scelte viticole ed enologiche meticolose,
complementari tra loro ed in completa sintonia con la natura fanno capo alla filosofia produttiva di Quintodecimo.

Luigi Moio, inoltre, è uno dei più importanti uomini di cultura del vino, sia come studioso e docente universitario alla Federico II di Napoli, sia come enologo sul campo di
numerose aziende campane e del Vulture.

Redazione Newsfood.com WebTV

Leggi Anche
Scrivi un commento