Progetti Cea per il 2008: ambiente e sostenibilità

Biella – «Con i progetti che presentiamo oggi, il Centro di Educazione Ambientale della Provincia diventa quello con la maggiore offerta tra tutti i suoi omologhi delle altre
province piemontesi» con queste parole l’assessore all’ambiente Davide Bazzini ha presentato in una conferenza stampa nella sala Caselli di via Quintino Sella l’offerta progettuale
coordinata dal Cea per il 2008.

Si tratta di 11 attività rivolte agli istituti scolastici di tutti gli ordini e gradi e di alcuni progetti, tra i quali il più noto è “C.Ambie.R.E.Sti”, dedicati a
cittadini e nuclei familiari e incentrati sugli stili di vita sostenibili.

«Il filo rosso che accomuna tutte le attività – ha proseguito Bazzini – è dato dal fatto che queste rappresentano una sorta di “nuova generazione” progettuale, dove
all’educazione e alla conoscenza dei temi ambientali si affianca l’educazione allo sviluppo sostenibile e allo sviluppo di comunità che accompagni riflessioni e conseguenti
trasformazioni degli stili di vita».

Su questa linea si sono sviluppate numerose proposte a cui partecipano molti enti del territorio come portatori di conoscenze specifiche sui diversi temi: il Cosrab per i progetti legati al
contenimento dei rifiuti, alla raccolta differenziata, alle scelte individuali per ridurre gli imballaggi delle merci; l’Atap per i progetti che riflettono sulla mobilità sostenibile e
sull’incentivo all’uso dei mezzi pubblici; l’Asl 12 per i progetti relativi all’educazione alimentare e ai consumi responsabili.

«La Regione Piemonte – ha proseguito Bazzini – attraverso il suo sistema Infea (Informazione, formazione, educazione ambientale) ha attivato in ciascuna provincia analoghi sistemi
territoriali detti Spea, che attraverso l’ente provinciale raccolgono i soggetti interessati allo sviluppo di attività legate all’educazione ambientale e alla sostenibilità,
così da rappresentare un doppio canale di cofinanziamento e di diffusione delle proposte».

Si registra, a partire dal secondo semestre di quest’anno, il nuovo ruolo di Cordar Energia nella gestione delle attività del Cea: «un elemento – come ha affermato Bazzini – che
permetterà agli Enti Pubblici un risparmio in costi di gestione pari a circa 100 mila euro all’anno e a una maggiore ottimizzazione delle risorse, stante la comunanza dei temi trattati e
distinguendo per qualità e ricchezza la proposta in tema di educazione ambientale promossa dalla Provincia di Biella».

I progetti, che per la maggior parte saranno attivati nel 2008 ma che hanno già previsto incontri formativi per, ad esempio, i docenti degli istituti scolastici coinvolti, sono: “La
spesa intelligente”, “Meno Imballaggi, più consapevolezza”, “C.Ambie.R.E.Sti.”, “E se consumassimo energie rinnovabili?”, “Agenda XXI sale in cattedra”, T.V.B. – Ti voglio bere”, “Scuole
solari”, “Qualità della vita e alimentazione”, “Piedibus”, “Ali-menti” e “Informacibo”.

Leggi Anche
Scrivi un commento