Privacy, UNC: Giù le mani dai diritti degli utenti

 

Roma – “I dati personali degli utenti contenuti nelle banche dati non possono essere utilizzati senza il consenso delle persone interessate”. È quanto
dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, criticando l’emendamento all’art. 44 del “Decreto milleproroghe”, che
consente l’utilizzazione fino alla fine del 2009 dei dati personali presenti nelle banche dati costituite sulla base di elenchi telefonici formati anteriormente al 1° agosto
2005, in deroga agli articoli 13 e 23 del Codice della Privacy.

“Una simile norma -conclude Dona- lede il diritto alla privacy di milioni di utenti, esponendoli, come già è accaduto in passato, ad innumerevoli telefonate
indesiderate. Se qualcuno vuole chiamare i consumatori per vendere un prodotto o un servizio, deve avere sempre e comunque il loro consenso prima di utilizzare il loro numero
telefonico: non è ammissibile alcuna eccezione anche se temporanea”.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento