Presentato il 4° congresso della Magi Onlus – La salute nei paesi in via di sviluppo

Presentato il 4° congresso della Magi Onlus – La salute nei paesi in via di sviluppo

Dro (TN) – La genetica medica e la biologia molecolare nei paesi in via di sviluppo saranno al centro del quarto congresso dell’associazione MAGI onlus, in programma il prossimo 18 e 19
settembre a Dro.

L’iniziativa è stata presentata nella cittadina trentina dai responsabili della MAGI e dal Sindaco di Dro Vittorio Fravezzi, che hanno annunciato la presenza straordinaria ai lavori
congressuali del premio Nobel Rita Levi Montalcini.

La riunione scientifica, organizzata con il sostegno della Regione e del Comune di Dro, raggiunge quest’anno la sua quarta edizione e sarà dedicata al tema della salute nei paesi in via
di sviluppo, focalizzando il dibattito in particolar modo sulle malattie genetiche.

La riduzione della mortalità infantile, il miglioramento della salute materna, la guerra alle pandemie di AIDS, alla malaria, alla tubercolosi e ad altre malattie endemiche nei paesi in
via di sviluppo rappresentano importanti obiettivi da raggiungere. Serve, tuttavia, uno sforzo per influenzare le scelte di ricerca e produzione di farmaci e rafforzare la collaborazione tra
sanità pubblica e organizzazioni non profit.

L’obiettivo del congresso è quello di riunire alcuni dei più importanti esperti, con le loro preziose iniziative nel campo della ricerca, per l’istituzione e la realizzazione di
progetti sanitari nei paesi in via di sviluppo.

Il congresso è organizzato in maniera aperta, così da permettere l’organizzazione di tavole rotonde di discussione ed è stato progettato assieme a molti medici trentini
presidenti di varie associazioni.

La professoressa Rita Levi Montalcini arriverà in Trentino per presentare la propria Fondazione in favore dello sviluppo dell’Africa.

Al congresso interverranno alcuni fra i massimi esperti nella ricerca e produzione di farmaci per il terzo mondo come, ad esempio, il professor Pecorelli coordinatore del vaccino per il virus
HPV, Il professor Lucio Luzzatto genetista ed oncologo che ha scoperto alcune malattie genetiche tipiche della popolazione africana, il professor Francisco Baralle che coordina uno dei centri
più importanti per la ricerca farmacologia in favore dei paesi poveri.

La presentazione del congresso è stata anche l’occasione per consegnare il premio GALMETAL al dottor Andrea Giani che sta completando uno stage presso l’Università di Harvard
negli USA. Il dottor Giani si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Milano e dal 2008 collabora nell’attività clinica e scientifica del
Dipartimento di Scienze Cliniche “Luigi Sacco”, Università degli Studi di Milano.

Grazie alla borsa assegnata dalla MAGI, con il contributo delle industrie GALMETAL, il dott. Giani ha potuto diventare Research Fellow all’Università di Harvard, nel dipartimento di
Oftalmologia del Massachusetts Eye and Ear Infirmary presso il Massachusetts General Hospital. Il campo di ricerca è focalizzato sulle patologie degenerative retiniche, in particolare la
degenerazione maculare senile, sia dal punto di vista clinico, mediante lo studio di nuove tecniche di imaging e di nuovi marker genetici per la diagnosi precoce, sia dal punto di vista di
ricerca di base, per l’identificazione di nuovi approcci terapeutici.

Leggi Anche
Scrivi un commento