Presentata la collezione Frac della Regione Piemonte

Sono undici le opere di arte contemporanea acquistate dalla Regione Piemonte alla quattordicesima edizione di Artissima, conclusa da pochi giorni, utilizzando il FRAC, il nuovo Fondo Regionale
dell’Arte Contemporanea.

L’assessore regionale alla cultura Gianni Oliva e il direttore di Artissima, Andrea Bellini hanno illustrato questa mattina ai giornalisti, intervenuti alla conferenza stampa a Palazzo Barolo,
come è stata avviata e come procederà nel tempo l’operazione di acquisizione di opere destinate alla collezione di arte contemporanea che troverà periodicamente nuove sedi
espositive.

“L’arte contemporanea è una carta sulla quale abbiamo investito molto- ha detto l’assessore Gianni Oliva- I Fondi regionali per l’arte contemporanea sono stati istituiti in Francia per
regolare l’intervento dello Stato nell’arte contemporanea e per stimolare il processo di democratizzazione delle arti visive. Attraverso questi Fondi la Francia si è dotata di un
notevolissimo patrimonio che comprende attualmente più di 17.000 opere realizzate da circa 3.700 artisti. E proprio dalla Francia arriva la richiesta alla quale abbiamo già
aderito, d’istituire un Fondo Regionale Misto per far circuitare le opere in modo transfrontaliero. La Regione Piemonte è la prima e unica regione in Italia a compiere un’operazione di
questo tipo per l’arte contemporanea”.

Le finalità della collezione di arte contemporanea della Regione Piemonte sono in primo luogo didattiche e culturali. In questo modo il pubblico, ed in particolar modo le giovani
generazioni, entreranno in contatto con le nuove tendenze e le ultime ricerche nel campo della cultura visuale contemporanea. Le opere acquisite ogni anno in collezione, saranno di unica ed
esclusiva proprietà della Regione Piemonte. Con il sostegno di strutture già esistenti, ma anche di nuovi eventuali spazi espositivi messi a disposizione dai vari capoluoghi di
provincia, la collezione sarà itinerante e ramificata su tutto il territorio regionale. Le opere potrebbero convergere alla fine di ogni anno in una struttura espositiva di
proprietà della Regione e lì divenire nucleo di un nuovo potenziale museo d’arte contemporanea.

” Delle undici opere acquisite, sei si trovano attualmente alla GAM, in attesa di esporle quando faremo una prima mostra in Regione nei primi mesi del 2008. – ha sottolineato il
direttore di Artissima, Andrea Bellini- La Regione Piemonte, attraverso una politica degli acquisti mirata e di alta qualità, si dota così di un patrimonio artistico di primo
piano. In questo modo vogliamo entrare in contatto con il territorio e con gli studenti. La Regione Piemonte stanzierà ogni anno un fondo di 150.000 euro per l’acquisizione di opere
destinate allacCollezione all’interno di Artissima. Saranno nominati ogni anno tre diversi curatori internazionali, il cui compito sarà quello di visitare sistematicamente tutti gli
stand della fiera, la collezione sarà itinerante e ramificata su tutto il territorio regionale.”

Il Comitato per le acquisizioni è costituito da : Francesco Bonami, Direttore Artistico della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Manilow Senior Curator MCA Museum of Contemporary Art,
di Chicago, Christine Macel, Curatore del Centre National d’Art et de Culture Georges Pompidou di Parigi, Augustin Pérez Rubio Chief Curator, MUSAC Museo de Arte Contemporaneo Castilla y
Léon di Léon.
L’istituzione della collezione FRAC pone la Regione Piemonte all’avanguardia in Italia nelle politiche culturali di sostegno all’arte contemporanea.

OPERE ACQUISITE 2007

Rosa Barba, It’s gonna happen, 2005, Film 16 mm, suono, voci Joel Ryan, Michel Waisuisz,

ed. 5 2

Keren Cytter, Repulsion, 2006/2007, DVD, 3 di 4 Prove d’artista

Sam Durant, Hand to Eye to Mouth, 2006, installazione, tecnica mista, dimensioni variabili

Jimmie Durham, Radio Vacuum Tube and Bones from Several Animals along with Bright Plastic and Glass Elements, 2006, material vari, 42X30X25 cm. ca.

Cyprien Gaillard, Real Remnants of Fictive Wars III, 2004, Film 35 mm trasferito su DVD

Vidya Gastaldon, Sha-it (BABA), 2007, scultura di lana e acciaio, 200 cm. alt./ cm.. 80 diam.

Ian Kiaer, Endlesss House Project; Disco-Coppertone, 2007. installazione, tessuto “survival”, foglia d’oro, perspex, dimensioni variabili

Josephine Meckseper, March for Peace, Justice and Democracy, New York City, 2007, Film 16 mm, 2 di 3 Prove d’artista

Tom Molloy, Declaration, 2005, carta ritagliata a mano, edizione 4 di 6, 63,50X47,5 cm

Evariste Richer, Le Grêlon, 2006, Struttura in acciaio e motore, 200 cm. alt. con base a corce

Ignacio Uriarte, Single Line Labyrinth 3, 2007, stampa a getto d’inchiostro di foglio Excel, 2 di 3

Black and White Squared Monocrome, 2007, Video Prove d’Artista

Leggi Anche
Scrivi un commento