Pisa: Agriturismo – Ottimismo per le prenotazioni di Pasqua e Pasquetta

Pisa: Agriturismo – Ottimismo per le prenotazioni di Pasqua e Pasquetta

Pisa – Non sarà la Pasqua del boom di presenze negli agriturismi quella del 2009, ma non sarà nemmeno la peggiore della storia per le strutture (circa 300) presenti in
Provincia di Pisa. 

Da Pisa centro a Volterra, passando per la Val di Cecina e la marina sono all’insegna dell’ottimismo, moderato, ma ottimismo è, le previsioni per Pasqua e Pasquetta, e per il ponte del
25 aprile, per gli agriturismi legati a Coldiretti-Terranostra (www.pisa.coldiretti.it).

Se la crisi da una parte sta facendo latitare gli ospiti stranieri, americani, tedeschi, spagnoli e inglesi in particolare (tranne alcune eccezioni), nonostante gli agriturismi abbiano
mantenuto i prezzi degli scorsi anni, se no addirittura, in molti casi, di alcuni anni fa, e si siano ingegnati con offerte e pacchetti low-cost, offerte e diversificazione dei prezzi, per
attrarre e invogliare nuova clientela, dall’altro, questo primo antipasto vacanziero confermerà la massiccia presenza di turisti-italiani, famiglie con figli e giovani coppie per lo
più, che hanno scelto l’agriturismo per una mini-vacanza di 1 fino al massimo di 3 notti, grazie al calendario favorevole e si spera, al bel tempo. Mentre per il giorno di Pasquetta si
registrerà il pienone di ragazzi che, sempre più spesso, scelgono l’agriturismo come valida alternativa al solito pic-nic fuori porta.

I tempi non sono facili per nessuno ma il turismo, ed in particolare quello enogastronomico e paesaggistico innescato dal movimento agrituristico, stando anche alle ultime stime, non conosce,
per fortuna, crisi profonde. Ed anche le previsioni per il 2009 non sono così disastrose come si temeva anche se i primi tre mesi dell’anno sono stati molto negativi. Complice il
maltempo che nel pisano ha colpito più duro del solito.

“Fino a questo momento non è stata una stagione certo positiva – commenta il Presidente Provinciale di Terranostra, Alessandro Piceni Belli – ora vediamo come andrà la primavera e
l’estate.

Per i ponti di Pasqua e 25 aprile credo che non avremo problemi a riempire le strutture grazie ad una clientela italiana, di coppie e famiglie, e al fatto che mediamente le strutture non sono
molto grandi. Non siamo ancora sul tutto esaurito, ma confidiamo nei last-minute; una formula che sta andando sempre più di moda anche per necessità e che ha le
potenzialità per aiutarci a riempire gran parte delle strutture”.

Ed infatti per i ritardatari – continua  l’organizzazione – c’è sempre posto. Attraverso il sito www.terranostra.it si può scegliere tra quasi millecinquecento agriturismi,
compresi quelli Toscani e pisani, per tipo di ospitalità, collocazione geografica, prezzo e servizi offerti, compreso il benvenuto agli animali.

Ma come è la situazione in Provincia di Pisa? Ancora posti disponibili si trovano al “Podere Chiasso Gherardo” nella magnifica Peccioli (www.chiassogherardo.com), alla “Fattoria San
Paolo” a Castelnuovo Val di Cecina immersa nello splendido paesaggio delle Colline Metallifere (www.fattoriasanpaolo.it) dove si trova anche una bellissima bio-piscina mentre in leggere calo la
situazione all’agriturismo Villa Buieri, ex monastero dei Frati Nottolini (1300) posizionato all’interno della Valle Graziosa a Calci (tel. 050 937492).

In linea con il 2008 le prenotazioni a “Casa al Bosco” a Volterra (www.agriturismocasaalbosco.com) mentre per “la stagione si registra un leggero calo nonostante una politica di sconti e
offerte su colazioni e cene”. Idem al Podere Castagno” tra boschi, valli e uliveti a Crespina (www.poderecastagno.it) dove a latitare sono “tedeschi e spagnoli” mentre non mancano francesi e
italiani, in prevalenza famiglie, e all’Aia Vecchia”, agriturismo biologico a Castellina Marittima (www.aiavecchia.net) che lavora molto con clientela straniera mentre mancano, questo giro, gli
italiani.

In cantina – per la stagione – “promozioni last minute per promuovere le settimane ancora libere, visite gratuite alle coltivazioni bio con possibilità di raccogliere frutta e ortaggi e
mangiarli direttamente in campo, fattoria didattica per intrattenere i bambini, lavoro con i cavalli e gli altri animali della fattoria”.

Leggi Anche
Scrivi un commento