“Pesche in spiaggia”: il Ministro Saverio Romano presenta la campagna alla stampa

“Pesche in spiaggia”: il Ministro Saverio Romano presenta la campagna alla stampa

Roma, mercoledì 27 luglio 2011
Qualche anno fa, in presenza di una sovra-produzione di frutta si procedeva a calmierarne i prezzi con la distruzione selvaggia.

Ricordate le ruspe che si divertivano a fare le spremute d’arance passandovi sopra coi cingoli?
Fortunatamente le cose sono cambiate ma nuovi problemi incombono sul settore ortofrutticolo.

Oggi il problema è il calo di consumo della frutta ed il prezzo troppo basso riconosciuto ai produttori.
Non è molto chiara la motivazione del drastico calo dei consumi, tutta colpa del batterio killer?

I problemi per chi opera in campagna coinvolgono anche gli allevatori, quelli che ancora resistono, ma andando avanti di questo passo non vedremo più orti, frutteti e pascoli ma solo ed
unicamente “piantagioni” di pannelli solari ed impianti a biomassa: che scenario apocalittico!

Il ministro Saverio Romano, criticato da certa stampa e dall’opposizione per la sua presunta “connivenza” con esponenti poco raccomandabili, è molto attento alla sua missione e crediamo
che voglia veramente fare qualcosa per il mondo agricolo. Sa perfettamente che nel nostro Bel Paese l’agricoltura è un pilastro importante per tutta l’economia Italiana, per ogni famiglia.
Non vogliamo neppure immaginare un futuro senza le cascine, le vigne, le cantine, i granai, le mucche al pascolo e le galline che razzolano.

Cosa ha pensato di fare il Ministro Saverio Romano per incentivare il consumo di frutta? Di riprendere  le ruspe?
Ovviamente NO.

Domani, Giovedì 28 luglio 2011,
in una riunione presso il Salone dell’Agricoltura del Ministero a Roma, presenterà alla Stampa il progetto “Pesche in spiaggia” che sarà supportato da una adeguata campagna di
informazione e che prevede la distribuzione di pesche di produzione nazionale  ai bagnanti in vacanza sulle principali spiagge italiane.

Interverranno anche i rappresentanti dei consorzi “Pesca e Nettarina di Romagna IGP”, “Tutela della Pesca di Verona”, “Tutela della Pesca di Leonforte” e delle Capitanerie di Porto-Guardia
Costiera.
Il Ministero comunica che tale iniziativa rientra nel piano di azioni predisposte per rispondere alla crisi economica e alle conseguenze di mercato dell’allarme E. coli che hanno colpito il
settore ortofrutticolo italiano.

Giuseppe Danielli
Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento