Paolo Voltini è il nuovo Presidente della Coldiretti di Cremona

Paolo Voltini è il nuovo Presidente della Coldiretti di Cremona

Paolo Voltini, 41 anni, è il nuovo Presidente della Coldiretti di Cremona. E’ stato eletto questa mattina dall’Assemblea della Federazione riunita presso l’hotel Continental, alla presenza del Presidente di Coldiretti Lombardia Ettore Prandini e del Direttore regionale Giovanni Benedetti.

Voltini,  è un imprenditore agricolo del settore del pomodoro da industria. Presidente Coldiretti nella sezione di Gussola ha una lunga militanza nelle file di Coldiretti, fin dal movimento giovanile.

Dal 2002 è Presidente del Consorzio Casalasco del Pomodoro, cooperativa agricola della provincia di Cremona,  una delle più importanti realtà a livello italiano e internazionale per la lavorazione del pomodoro, aderente a UeCoop. E’  vice-presidente di CIO, Consorzio Interregionale Ortofrutticoli. Di recente, inoltre, ha assunto la carica di presidente del comitato Unaproa per il pomodoro da industria.

“Sono grato all’Assemblea della Federazione per la fiducia che mi ha voluto accordare e confermo che mi impegnerò sino in fondo per il bene del territorio e delle aziende agricole – commenta il neo Presidente –. Credo che l’agricoltura in provincia di Cremona abbia ancora molto da dire in tutti i settori: da quello zootecnico al cerealicolo, all’ortofrutta, dagli agriturismi all’agricoltura multifunzionale. Dobbiamo tutelare le aziende, evitare le speculazioni sui terreni, favorire i veri agricoltori e rafforzare sempre più quel rapporto con i consumatori e le istituzioni che rappresenta la carta vincente dell’azione di Coldiretti in Italia e in Lombardia”.

Per Ettore Prandini, Presidente della Coldiretti regionale: “L’elezione di Voltini rappresenta un passo importante per completare la squadra di Coldiretti ribadendo l’impegno a fare bene non solo per il nostro comparto ma per tutto il territorio. L’elezione di Paolo Voltini è anche la conferma dell’alto livello raggiunto dalla classe dirigente della nostra organizzazione”.

Passaggio di consegne al vertice di Coldiretti: Tino Arosio a Cremona, Solfanelli guiderà Padova

Passaggio di consegne alla Coldiretti di Cremona. Dal 17 marzo Tino Arosio sarà il nuovo direttore della Federazione provinciale. Cinquantacinque anni, nato a Milano, sposato con due figli, raccoglie il testimone da Simone Solfanelli, direttore dal 2010, passato a sua volta a dirigere la Coldiretti di Padova, in Veneto. La notizia è stata ufficializzata oggi, a Cremona, subito dopo l’elezione del nuovo presidente della Coldiretti provinciale.

Arosio, che lascia la guida della Federazione regionale delle Marche, ha iniziato la sua carriera in Coldiretti Milano nel 1979, assumendo poi via via gli incarichi di vicedirettore delle Federazione meneghina, di direttore della Coldiretti Como, della Coldiretti bresciana e, dal 2010, nuovamente di Como, assieme a Varese. Si è anche occupato di patronato e cooperazione. Dal novembre 2011 ad oggi è stato direttore della Coldiretti Marche e dal giugno 2013, sempre ad oggi, ha ricoperto anche l’incarico di direttore della federazione provinciale della Coldiretti Ancona.

Simone Solfanelli, fiorentino, ha iniziato la sua carriera nella Coldiretti di Firenze e, prima di Cremona, ha guidato dal 1988 le Federazioni di Ascoli Piceno, Siena, Arezzo, Pisa, Livorno e Macerata.

“Per me è stata un’esperienza formativa in un territorio dal grande potenziale che rappresenta un pezzo importante dell’agricoltura e dell’economica lombarda.  Adesso mi accingo a una nuova esperienza in una regione stimolante e in un territorio che è nel cuore produttivo del Paese” commenta Solfanelli.

“La Lombardia è una delle regioni agricole più forti d’Italia e la provincia di Cremona con il suo settore zootecnico è fra le prime come valore e numero di capi bovini e suini allevati. Per me, che sono lombardo, è un ritorno a casa e mi accingo a prendere la guida della Federazione con la volontà di impegnarmi al massimo per il bene delle aziende” spiega Arosio.

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento