Paolo Bruni, Presidente Cogeca, a Bruxelles in difesa dell’ortofrutta italiana di qualità

Paolo Bruni, Presidente Cogeca, a Bruxelles in difesa dell’ortofrutta italiana di qualità

Paolo Bruni non ha bisogno di presentazioni, è un personaggio noto al grande pubblico perchè è onnipresente negli eventi ed anche nelle diverse trasmissioni televisive,
dove si parla di frutta e di verdura.

 
Da buon romagnolo è un ottimo parlatore ed è arrivato ai vertici delle cariche nel suo settore perchè riesce a farsi capire dagli addetti ai lavori e “buca lo schermo”
creando attenzione anche da parte della massaia.

Pochi giorni abbiamo incontrato a Cesena un Paolo Bruni insolito, emozionato.
Il Cav. Paolo Bruni è stato insignito del premio “Cesena Fiera”, un premio da lui ambito fin da quando era un giovane dalle belle speranze e con tanta voglia di fare.
Oggi è a Bruxelles come ospite ma gli auguriamo di poter sedere su poltrone ben più importanti in sede europea, perchè lo merita e perchè l’ortofrutta italiana lo
richiede. E lo richiede anche l’economia italiana, bisognosa di uomini dalla mente aperta, uomini esperti in “problem solving”, indipendentemente dai colori politici.

Giuseppe Danielli
Newsfood.com

Inizio messaggio inoltrato:
Data: 12 ottobre 2011 11:43:47 GMT+02:00
Oggetto: COMUNICATO : BRUNI (COGECA) SU PAC: “PROPOSTE INSUFFICIENTI: SERVONO REGOLE PER PRODURRE DI PIU’ E CON MAGGIORE COMPETITIVITA’ “

Bruni (Cogeca) su PAC:
“Proposte insufficienti: servono regole per produrre di più e con maggiore competitività”
 
“Per raggiungere gli obiettivi di una maggiore competitività dell’agricoltura europea, della garanzia di approvvigionamento alimentare e della stabilità dei redditi dei produttori,
occorrerà lavorare profondamente sulle proposte della Commissione”. Lo ha dischiarato Paolo Bruni, Presidente della Cogeca, in occasione della conferenza stampa del Copa-Cogeca organizzata
a Bruxelles per commentare le proposte di riforma della politica agricola comunitaria, approvate oggi dalla Commissione europea.
Secondo Bruni, tre sono le priorità sulle quali insistere: “occorre in primo luogo prevedere efficaci strumenti di gestione delle crisi, indispensabili in un’agricoltura globalizzata, che
renderà sempre più ricorrenti tali situazioni”. “Dobbiamo poi – ha proseguito Bruni – perseguire con maggiore incisività l’obiettivo di riequilibrio della catena alimentare a
favore degli agricoltori: in tal senso, salutiamo con favore l’estensione del ruolo delle organizzazioni di produttori, ma a condizione che si precisi che esse devono gestire e commercializzare
il prodotto dei soci, come fanno attualmente le nostre cooperative”.
“Urge infine – ha sottolineato Bruni – adeguare le regole della concorrenza per consentire a cooperative ed organizzazioni di produttori di essere più competitive sul mercato. A tal
proposito, respingiamo la proposta della Commissione europea che intenderebbe limitare l’accesso allo sviluppo rurale soltanto alle piccole e medie imprese”.
In conclusione, Paolo Bruni ha osservato come la mancanza di un quadro finanziario definito per i prossimi anni costituisca “un grande limite, che auspichiamo possa essere colmato dalle
istituzioni europee, per dare garanzie di un budget agricolo adeguato alle nuove sfide”.
 

Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento