Orvieto-Orsara, «gemellaggio» di musica e sapori

Orvieto-Orsara, «gemellaggio» di musica e sapori

Sono state 200 le persone che venerdì sera, a Orvieto, hanno partecipato alla serata di «Cittaslow in Festival» dedicata a Orsara di Puglia, ai suoi prodotti enogastronomici e
al patrimonio culturale espresso dal «paese dell’Orsa». Nella sala reception della struttura che ha ospitato l’evento sono state proiettate le immagini del documentario intitolato:
«Orsara di Puglia, gusti slow e notti d’incanto» e sono stati esposti gli ingredienti della tavola orsarese.

La cena orsarese e il percorso che Orsara di Puglia sta compiendo nella rete delle «città del buon vivere» sono stati presentati con parole lusinghiere dal direttore di
Cittaslow International Pier Giorgio Oliveti e dal vice presidente della Provincia di Terni Loriana Stella. Accanto a loro, a invitare i partecipanti a visitare il paese, il sindaco di Orsara di
Puglia Mario Simonelli, l’assessore comunale alle attività produttive Biagio Dedda e lo chef orsarese Peppe Zullo.

«Sono stati tre giorni molto positivi – commenta il primo cittadino – giovedì, venerdì e sabato i nostri prodotti enogastronomici sono stati esposti e venduti nello stand
installato nel cuore del meraviglioso centro storico orvietano, dove è stato distribuito anche del materiale informativo sul paese. Con il Palazzo del Gusto, una stupenda realtà
capace di fare formazione e di produrre risultati concreti sul piano economico e occupazionale, abbiamo posto le basi per una collaborazione importante – prosegue Simonelli – la cena coi prodotti
orsaresi è stata apprezzata da tutti».

Tra questi Tullio De Piscopo, il cui concerto è stato abbinato proprio alle giornate orsaresi, con l’artista napoletano a ricordare il profondo legame storico tra Orsara di Puglia e la
vicinissima Campania. «Anche stavolta – dichiara l’assessore Dedda – la sinergia tra pubblico e privato, rappresentato in questa circostanza dalle aziende del Consorzio Produttori Orsaresi
e dalle imprese del nostro circuito ristorativo, è stata proficua. E’ un cammino che abbiamo intrapreso da tempo, con convinzione, e che intendiamo proseguire».

La scheda – «Cittaslow in Festival – Dinner Music»

L’evento a cui Orsara di Puglia ha partecipato è al suo undicesimo anno di vita. L’edizione 2009 è cominciata il 14 febbraio e continuerà fino al 21 marzo. Sulla scia della
vocazione jazzistica della regione umbra, la manifestazione orvietana coniuga nel segno della creatività le migliori espressioni di musica e cultura enogastronomica, elementi fondamentali
di un movimento – quello di Cittaslow – che opera in Italia e nel mondo per valorizzare la qualità della vita in tutte le sue espressioni cominciando dalla salubrità e dal gusto
degli alimenti (info: http://www.cittaslowinfestival.ithttp://www.cittaslow.net)

I prodotti orsaresi valorizzati a Orvieto

Nella «Casa del gusto», lo stand allestito nel centro storico di Orvieto, Orsara di Puglia ha esposto e venduto il paniere completo dei suoi prodotti tipici, a cominciare dal cacio
ricotta, un formaggio fresco, realizzato stagionalmente con latte di capra, ricco di un gusto a cui la tradizionale forma «a pera» dona una particolarità in più. Il
paniere dei sapori esposto in Umbria ha compreso anche miele, salumi, olio, pane e vino. Assieme ai prodotti orsaresi, la «Casa del Gusto» ha valorizzato anche la Fava di Carpino, un
presidio slow food che arricchisce lo scrigno di genuinità rappresentato dalla cultura enogastronomica dell’intera provincia foggiana (info: http://www.orsarainforma.blogspot.com).

Leggi Anche
Scrivi un commento