OK a CIGS per i lavoratori della pesca

«Con l’incontro che si è tenuto oggi a Verona con il Ministro delle Politiche agricole Luca Zaia abbiamo avviato il percorso istituzionale per tutelare il lavoro dipendente nel
settore della pesca in questo momento di grande crisi generata dal caro-gasolio.

Ci siamo presentati al tavolo ministeriale con l’unica e fondamentale richiesta della cassa integrazione straordinaria per i 40.000 lavoratori della pesca, che è stata accolta e fatta
propria dal Ministro Zaia. Ora, però, occorrerà dare seguito alle migliori intenzioni e trovare le risorse economiche per coprire l’intera manovra. Per questo si rende necessario
l’intervento diretto e in tempi rapidi del Ministro del Welfare Sacconi.

Con la cassa integrazione andiamo, quindi, a sanare una situazione di crisi ma in futuro occorrerà riprendere in mano il discorso sul mercato del lavoro nel settore della pesca, che
è contraddistinto da alcune fortissime criticità quali la sicurezza delle prestazioni lavorative e delle imbarcazioni e i contratti che vengono stipulati con i lavoratori».

Leggi Anche
Scrivi un commento