Creato a Chioggia un fondo di sostegno per la pesca

Un fondo di 50 mila euro a sostegno della pesca, la giunta comunale di Chioggia ha deciso di costituire un primo fondo da assegnare alla Fondazione della Pesca finalizzato a sostenere le
iniziative programmate dalla marineria clodiense in accordo con gli organismi associativi e con gli operatori.

Altri 50 mila euro verranno recuperati dal bilancio della Fondazione della Pesca che all’art 3 del proprio statuto prevede la possibilità di incoraggiare, promuovere e sostenere ogni
iniziativa di valore economico, sociale e scientifico, anche a favore di enti e persone operanti nel settore della pesca e delle attività ad esse connesse.

«L’amministrazione vuole lanciare un segnale fortissimo nei confronti della nostra marineria in difficoltà con un gesto di sostegno economico alla categoria e di assunzione di
responsabilità – spiega il sindaco Romano Tiozzo – i 100 mila euro per i primi interventi non vogliono essere un semplice gesto assistenzialistico, ma una risposta contingente ad una
situazione di difficoltà. Tale gesto è legato infatti ad un impegno più vasto di intervento strutturale nei confronti del mondo della pesca. E’ necessaria la
solidarietà collettiva su contenuti condivisi. E’ la prima volta che in consiglio comunale vengono assunti impegni per finanziare programmi di rilancio del settore della pesca.
L’attenzione dell’amministrazione sui settori economici si completa con questa iniziativa.»

Il provvedimento è stato adottato dando immediata esecuzione all’ordine del giorno approvato ieri sera in sede di Consiglio comunale.
Un ordine del giorno che chiede al Sindaco e alla Giunta di attivarsi da subito per affrontare la situazione emergenziale; di sostenere con determinazione in tutte le sedi istituzionali le
proposte concertate ed in grado di rappresentare soluzioni reali alla odierna emergenza, di creare un tavolo di confronto permanente tra categorie economiche ed istituzioni per monitorare il
tema della pesca non solo in regime di emergenza e di istituire un apposito stanziamento «Fondo emergenza e promozione del settore della pesca», programmato in collaborazione con
gli operatori.

«Non è sulla entità economica che si deve valutare il provvedimento, ma sulla serietà dell’impegno preso di accompagnamento della categoria, attivando contestualmente
iniziative consimili a livello provinciale e regionale . – commenta il neo assessore alla pesca Nicola Boscolo Pecchie – L’istanza portata avanti dai pescatori ha carattere mondiale. La scelta
dell’amministrazione è quello di aver deliberato immediatamente dopo un ordine del giorno con un provvedimento strutturato per la prima volta a livello locale in materia economica verso
il mondo della pesca».

La riunione della Fondazione della pesca è in programma per domenica 15 Giugno alle ore 9.00.

Leggi Anche
Scrivi un commento