MONTE ORFANO, DIRIMPETTAIO DELLA FRANCIACORTA

MONTE ORFANO, DIRIMPETTAIO DELLA FRANCIACORTA

La Franciacorta inizia il suo nuovo percorso enologico già nel 1992, con grande lungimiranza.

Usciamo dal casello autostradale della A4-E70, fra Milano e Venezia, a Rovato e entriamo in città, un antichissimo e importante centro agricolo. Visitiamo il borgo con le sue viuzze vicino alla chiesa-alta, la piazza ampia in ciottolo “in discesa”, giriamo attorno al grande e massiccio castello dei Conti Terzi, con broli di vigne storiche e procediamo fino alla Santissima Annunciata, uno dei più bei conventi benedettini con filari di castagni, vigneti terrazzati, tanto cari a Gianni Brera.

Scendiamo il versante sud fino a Coccaglio sulla SS11, dove sono presenti diverse cantine. Sostiamo per un grandioso manzo all’olio, piatto tipico e ottimamente abbinabile con un vino Franciacorta Saten brut millesimato delle diverse cantine del Monte Orfano.

Visita al Resort dei Capuccini da dove si parte per una escursione-relax a piedi o a cavallo fino alla vetta del Monte Orfano attraverso i boschi con le indicazioni lasciate dai frati Capuccini. Poi visita al centro del paese di Cologne, di origine romana “colonie” con palazzi e la parrocchiale.

Quindi seguiamo la SP17 fino a Zocco, a sinistra per via Consolaro con sempre il Monte Orfano sulla destra. Prendiamo la SP469verso nord per raggiungere San Pancrazio e il casello di Palazzolo da dove riprendiamo l’autostrada A4-E70.

 

 

Viaggi in libertà in territori del vino

Vedi altri itinerari: Discovering Bubbles

Giampietro Comolli
Newsfood.com

 

Giampietro Comolli
Editorialista Newsfood.com
Economia, Food&Beverage, Gusturismo
Curatore Rubrica Discovering in libertà
Curatore Rubrica Assaggi in libertà

Contatti: (clicca qui)

 

 

 

Redazione Newsfood.com

 

Leggi Anche
Scrivi un commento