Nutrimento & nutriMENTE

Monavie: permette i grandi guadagni promessi? E’ o no un multilevel? Ecco cosa dice Wikipedia

Monavie: permette i grandi guadagni promessi? E’ o no un multilevel? Ecco cosa dice Wikipedia

By Giuseppe

Ci scrive Gianluca e ben volentieri gli rispondiamo ma non vogliamo dare nostri giudizi. Semplicemente, senza fare grandi ricerche, riportiamo ciò che dice Wikipedia in inglese, dopo aver fatto una traduzione integrale del testo con Google

MonaVie produce e distribuisce prodotti a base di frutta mista e succo di verdura concentrati, polveri e puree attraverso un multi-level marketing (MLM) modello di business. La società è stata oggetto di numerose controversie, come le indicazioni sulla salute per i suoi prodotti non sono stati scientificamente confermati o approvate dalle autorità di regolamentazione, [4] [5] [6] [7] [8] il suo presidente è stato precedentemente coinvolto in indicazioni sulla salute relative falsi un’altra azienda di bevande [9] [10] [11] [12] Secondo Forbes il suo business plan assomiglia uno schema a piramide,. [11] [13]

Profilo aziendale
Dallin Larsen, che ha ricoperto posizioni di senior executive con le aziende MLM Essentials dinamici e USANA, fondata Monarch Scienze della Salute nel 2003 come distributore di integratori dieta e perdita di peso. Monarch Scienze della Salute ha lanciato il succo MonaVie nel gennaio 2005, e nello stesso anno ha fondato MonaVie LLC / MonaVie Inc., una società di MLM privata con sede a South Jordan, Utah. La nuova società ha assunto l’imbottigliamento, distribuzione e commercializzazione di prodotti succo MonaVie. [9] [14] MonaVie possiede e gestisce anche una organizzazione di carità, la PIU progetto. [15]

MonaVie prodotti sono venduti da distributori non dipendenti che hanno diritto a ricevere commissioni basate sulle vendite del prodotto. Distributori individuali sono incoraggiati a costruire le proprie reti di vendita attraverso l’assunzione di nuovi distributori per vendere i prodotti (di cui al gergo di marketing multilivello come “downline”); il reclutatore può, in teoria, percepire commissioni supplementari in base alle vendite da parte loro downlines. [11] [16]

Prodotti
MonaVie produce una varietà di succhi misti bottiglia di frutta, bevande energetiche gassate, integratori alimentari e prodotti di dieta. [17] MonaVie Kosher, uno dei prodotti succo della società, è certificato kosher secondo le regole alimentari ebraiche da parte dell’Unione Ortodossa del Nord America e il Gran Rabbinato di Israele. [18]

Ricerca di prodotto e il contesto fisiologico
Un’analisi condotta dal laboratorio di contratto ChromaDex indicato che MonaVie contiene bassi livelli di antiossidanti vitamina C e di sostanze fitochimiche quali antociani e polifenoli associati ad attività antiossidante in provetta. [6]

MonaVie promuove che il succo ha polifenoli antiossidanti chiave da ACAI e altri frutti della miscela; [19] Tuttavia, non vi è alcuna prova fisiologica che qualsiasi polifenoli di frutta hanno tali azioni in esseri umani o che la capacità di assorbimento radicale dell’ossigeno (ORAC) ha una qualche rilevanza in il corpo umano. [20] la ricerca dimostra che, sebbene i polifenoli sono buoni antiossidanti in vitro, effetti antiossidanti in vivo sono probabilmente trascurabili o assenti. [21] [22] Secondo l’interpretazione da parte della Food and Drug Administration (FDA), Linus Pauling Institute e Autorità europea per la sicurezza alimentare, polifenoli alimentari hanno poco o nessun valore nutritivo antiossidante diretta dopo la digestione. [21] [23] [24] [25] A differenza di condizioni controllate provetta, la maggior parte dei polifenoli non vengono assorbiti dopo la digestione, e ciò che viene assorbita è metabolizzati ed escreti. [22] [22]

Interazioni ed effetti avversi
Di un caso clinico ha mostrato un’associazione tra l’ingestione MonaVie per tutta la gravidanza e la chiusura prenatale del dotto arterioso con conseguente ipertrofia cardiaca e disfunzione (ipertensione polmonare) alla nascita. [26] MonaVie Active può causare fluttuazioni di coagulazione del sangue (tempo di protrombina) nei pazienti trattati con warfarin o altri anticoagulanti Coumadin; il caso clinico raccomanda di evitare questa combinazione. [27]

guadagni Distributore
Circa il 14% dei distributori di realizzare un profitto, secondo MonaVie executive VP Henry Marsh citato da un articolo del 2009 Deseret News. [28]

Un articolo di Newsweek, la rendicontazione sul Conto economico divulgazione di MonaVie del 2007, ha dichiarato “meno dell’1% qualificato per le commissioni e di questi, solo il 10% ha fatto più di $ 100 a settimana.” Più del 90% sono stati considerati come clienti grossisti, i cui guadagni erano per lo più sconti sulle vendite a se stessi. Secondo un reclutatore alto, il tasso di abbandono, nel 2008 è stata di circa il 70%. [11] Un articolo pubblicato sulla Hartford Courant, ha riferito che circa il 45% dei distributori della società ha guadagnato un controllo media annua inferiore a 1.600 dollari, e il 37% ha a casa circa 2.000 dollari; circa il 2% ha conseguito un controllo media annua di oltre 29 mila dollari, e solo 7 su 80.000 distributori (<0,01%) ha portato a casa più di $ 3 milioni, secondo il Conto Disclosure economico MonaVie 208 [29] [30] Secondo un 2011 articolo del The Salt Lake Tribune, l’85% dei distributori MonaVie guadagnati controlli della Commissione nel 2009, una media di 35 dollari a settimana o meno, mentre la società di migliori sette distributori guadagnato una media di 3,4 milioni dollari l’anno. [31]

critica
valore nutrizionale
Medico Andrew Weil e nutrizionista Jonny Bowden sostengono che i benefici nutrizionali e sulla salute di succo MonaVie è provata e che il prodotto è troppo caro rispetto al più alimenti ricchi di polifenoli convenzionali di costo-efficacia. Weil e Bowden anche criticato il prodotto per essere venduti attraverso multi-level marketing. [4] [5] analisi nutrizionale Un uomo Journal ha dimostrato che MonaVie succo Attivo “testato estremamente basso di antociani e polifenoli” e che “anche succo di mela (che anche testato poco) ha più composti fenolici “. Il rapporto ha anche osservato che “il livello di MonaVie vitamina C era 5 volte inferiore a quella del succo d’uva di Welch”, un prodotto al prezzo di una frazione del costo di MonaVie per lo stesso volume che serve. [6] Ralph Carson, lo sviluppatore originale di MonaVie e chief Science Officer della società ha avvertito che il succo era “acqua aromatizzata costoso” e che “tutte le affermazioni fatte sono puramente ipotetici, prive di fondamento e, francamente, fasullo.” Carson ha aggiunto che lui non sapeva quanto ACAI era nel prodotto. [9]

Pubblicità ingannevole e sulla salute
Bowden, [5] Newsweek corrispondente Tony Dokoupil, [11] Palm Beach Post giornalista Carolyn Susman, [7] e Salt Lake City Tribune corrispondente Tom Harvey [9] ha commentato l’uso di testimonianze promozionali fuorvianti da parte dei distributori MonaVie in cui il prodotto è stato detto per prevenire e trattare una varietà di condizioni mediche. Harvey ha anche dichiarato che l’ascesa di MonaVie, sulla base di probabilità “accatastati contro i distributori di basso livello che si riversarono in miliardi di dollari che hanno alimentato spettacolare crescita della società,” ha sollevato interrogativi circa i fondamenti delle altre società del settore integratore alimentare di Utah. Nel 2007, la Food and Drug Administration ha emesso un avvertimento della FDA Lettera al distributore MonaVie Kevin Vokes, per violazioni della legge federale alimentare, Drug and Cosmetic relative a materiale on-line promozionale sostenendo che MonaVie è un trattamento efficace per l’infiammazione, il colesterolo alto, e il muscolo e dolori articolari. [8] la FDA ha esaminato la questione risolta dopo indicazioni terapeutiche sul sito incriminato è stato ridimensionato. [7] [11] In un articolo della rivista Forbes del 2008, i giornalisti Emily Lambert e Klaus Kneale descritto MonaVie come uno schema a piramide, riferimento a un video testimonial dal distributore Louis “Lou” B. Niles che implicava il prodotto potrebbe curare il cancro. [13]

I dirigenti della società hanno più volte riconosciuto i problemi in corso con i distributori MonaVie fare affermazioni illegali che il succo può curare e prevenire le malattie. In un articolo di Newsweek del 2008, il CEO Dallin Larsen ha dichiarato che “il suo team di vendita lo può ottenere in acqua calda con i federali”, e che era “quasi impossibile” per l’azienda di indagare distributori sospettati di fare affermazioni false. [11] Più tardi, nel 2008, l’azienda ha rilasciato una dichiarazione riconoscendo che molti dei suoi distributori “, forse inconsapevolmente,” ha violato le sue politiche pubblicitarie. [32] in un articolo del 2009 Bloomberg News, MonaVie executive vice-presidente e co-fondatore Randy Larsen ha dichiarato che “la società è alle prese con i distributori indipendenti che promuovono il succo come un farmaco miracoloso “. [33]

Dallin Larsen e Dynamic Essentials / Reale tongano Limu
MonaVie CEO e fondatore Dallin Larsen è stato un alto dirigente di una società di MLM che ha venduto un prodotto succo di simile prima di essere arrestato dalla FDA per pratiche commerciali illegali. [9] [11] Nel 2001, Larsen è diventato vice presidente delle vendite per dinamica Essentials, una società con sede in Florida vendendo un succo di frutta denominato Reale tongano Limu, [10] [11] dove Larsen ha affermato di aver aumentato il fatturato del 300%. Nel 2002, durante il mandato di Larsen, la FDA ha avvertito Essentials dinamici che sostiene sul sito web della società che il succo possa “curare varie malattie come il cancro, l’artrite, e disturbo da deficit di attenzione” erano illegali. [12] dinamico Essentials cessato operativo subito dopo. Nel 2003, la FDA ha visto la distruzione volontaria di 90.000 bottiglie di Royal tongano Limu. [9]

Accuse schema piramidale
Nel 2008, Larsen ha formato una partnership commerciale con l’ex distributore Amway (Quixtar negli Stati Uniti) Orrin Woodward, fondatore di una società di rete di vendita del distributore Amway noto come TEAM. Woodward divenne successivamente un distributore e altoparlante per MonaVie, mescolando la sua organizzazione TEAM strumenti struttura e distributore di vendita (ad esempio opuscoli di vendita, registrazioni audio / video, ecc) con il concetto di piano di compensazione di MonaVie. Nel 2008, un articolo di rivista Forbes ha descritto MonaVie come uno schema a piramide, e TEAM come “una piramide in cima a una piramide”, in cui i fornitori MonaVie sono stati venduti conferenze motivazionali, utilizzando un modello multi-livello, che sono stati preteso per aiutarli ad aumentare le loro vendite dei prodotti MonaVie. L’articolo propone che questo sistema sfrutta ambiguità nella regolazione della Federal Trade Commission degli schemi piramidali, e che solo l’1% dei membri di fare soldi da loro coinvolgimento con la società. [13]

lite
L’azienda, i suoi dirigenti, e vari distributori di alto livello hanno fatto parte delle cause significative Dal fondatore della società. MonaVie è stato convenuto in una causa per violazione di falsa-pubblicità / marchio contro Imagenetix, Inc (2008), [34] un multi-emettere battaglia legale con Quixtar / Amway (2008), [10] [35] un abito falsa pubblicità da Oprah Winfrey e Mehmet Oz (2009), [36] [37] due azioni legali collettive (2010, 2013), [38] [39] [40] [41] [42] [43] e di una causa per violazione di copyright contro Zrii (2010). [44] Inoltre, MonaVie depositate diverse cause contro ex rappresentanti di vendita per violazione del contratto. [45]

Violazione di marchio e casi di pubblicità falsa
Nel 2008, Imagenetix, Inc. ha citato in giudizio l’azienda MonaVie, il suo consiglio di amministrazione, e molti dei suoi distributori senior per 2,75 miliardi dollari per violazione del marchio relativo al fatto che il succo Monavie attivo contenuto l’ingrediente Celadrin. [34] [46] [47] Il caso è stato un accordo stragiudiziale e la causa è stata abbandonata. [48] Poco dopo, Imagenetix ha annunciato di aver stipulato un nuovo rapporto di affari con MonaVie, i cui termini non sono stati divulgati. [49]

Nel 2010, MonaVie citato Zrii, una concorrente multilivello società di bevanda di marketing, sostenendo che Zrii copiato il suo piano di compensazione distributore. MonaVie ha cercato un’ingiunzione per impedire Zrii di continuare ad utilizzare il piano, forzare la distruzione di tutte le copie esistenti del piano, e il risarcimento dei danni. [44]

Nel 2009, celebrità televisiva Oprah Winfrey e il Dr. Mehmet Oz intentato cause contro le 40 società che hanno venduto açaí o prodotti correlati. Le parti hanno sostenuto che le società avevano fabbricato virgolette “falsamente pretendono di parlare in Dr. Oz e / o la voce della signora Winfrey sui marchi e prodotti specifici che nessuno dei due ha riconosciuto.” [36] MonaVie è stato uno degli imputati. [37 sito web] di Winfrey ha dichiarato che “i consumatori devono essere consapevoli che né Oprah Winfrey né Dr. Oz sono associati né essi avallino qualsiasi prodotto Acai Berry, società o adescamento online di tali prodotti, compresi i prodotti succo MonaVie.”

Nel 2010, una class action è stata depositata contro MonaVie presso la Corte di Miller County, Arkansas Circuit, sostenendo che MonaVie ei suoi distributori, attraverso l’uso di pubblicità falsa e ingannevole si erano impegnati nella cospirazione civile e di altre attività criminali. [38] [39] [40]

Nel 2013, una class action è stata depositata contro MonaVie presso la Corte Distrettuale del New Jersey Stati Uniti sostenendo che la società aveva utilizzato pratiche commerciali sleali e ingannevoli, e pubblicità ingannevole, in violazione del New Jersey frode al consumatore legge. Secondo la querela, MonaVie ei suoi distributori usati affermazioni false e fuorvianti di benefici curativi per promuovere prodotti succo della società, che sono stati venduti a un prezzo ingiustamente gonfiato. [41] [42] [43]

Nel 2014, K2A LLC, una società formata da Alex Schauss e Kenneth Murdock, ha intentato una causa sostenendo che Monavie doveva decine di milioni di dollari per violazione di un brevetto detenuto da K2A per l’acai berry liofilizzato utilizzato nei prodotti di Monavie. K2A ha sostenuto che avevano terminato il loro accordo di licenza 2004 il 18 ottobre 2013 e che MonaVie ha continuato a vendere prodotti che violano sui brevetti. L’azione legale ha sostenuto che MonaVie non aveva fatto alcun pagamento di royalty dal giugno 2009 e non è riuscito a consegnare azioni della società che sono state promesso di K2A. La corte è stata una petizione per dichiarare che l’accordo di licenza è stato chiuso e di assegnare K2A almeno il 10 per cento del fatturato lordo di MonaVie, più i danni triple. [50]

Disputa con Amway
Nel 2008 Quixtar, una consociata di Amway, ha presentato un multi-count corte federale denuncia contro la società MonaVie e 16 dei suoi distributori di alto livello che in precedenza aveva lavorato con Amway. La denuncia sosteneva che MonaVie concorrenza sleale facendo false affermazioni sui suoi prodotti, e che gli ex distributori aver violato i loro contratti con Amway. [10] [35] [46] Poco dopo, MonaVie ha intentato una causa presso il tribunale distrettuale dello Utah chiedere una decisione in merito al fatto Quixtar era finita portata i confini del suo accordi di non concorrenza e di affrontare o meno tali accordi sono applicabili per i distributori indipendenti. [35] [51] MonaVie presentato per chiudere la querela Amway / Quixtar. [52] Più tardi, nel 2008, MonaVie et al. intentato una causa presso la Corte Distrettuale del Colorado contro Quixtar [53] Amway e MonaVie si stabilirono nel 2010, prima del processo. [35]

Azioni legali con ex distributori
Nel 2012 la società ha cercato un’azione legale contro vari distributori per aver tentato di reclutare distributori MonaVie a competere società di marketing multilivello in violazione del contratto con MonaVie. [45] [54]

Clicca qui per leggere il testo in lingua originale

MonaVie: From Wikipedia, the free encyclopedia

Inizio messaggio inoltrato:
Da: Gianluca xxxxxx
Oggetto: MonaVie
Data: 13 settembre 2014 18:43:42 CEST

Buongiorno sig. Giuseppe Danielli
mi chiamo Gianluca xxxxxx e sono un cuoco, da qualche giorno sono venuto a conoscenza tramite un mio amico che ha una gelateria di questa azienda americana chiamata MonaVie. Ho visto un suo dibattito in un forum abbastanza  ‘acceso’ su questa azienda…anche se alla fine pare sia finito abbastanza bene con l’intervento di una persona che opera in essa direttamente negli Stati Uniti.
Non le voglio far perdere tempo ma ogni volta che mi si presenta qualche notizia sono solito a cercare sempre e solo gli aspetti negativi per poter comprendere meglio il prodotto in questione….che parere ha su MonaVie? Le parlo a livello consumo e non di lavoro…lavorativamente parlando ne ho gia’ abbastanza del mio; comunque cosa ne pensa? Puo’ essere una cosa utile e “salutare”? So che il ministero della salute e’ andato direttamente a monte a controllare l’azienda e pare ne siano stati colpiti..
Aspetto una sua gradita risposta in merito e complimenti per la rivista anche se uso il sito we.
Grazie e buona giornata

Cordiali saluti
Gianluca xxxxxxxxx

Redazione Newsfood.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: