Mercoledì nero per il lavoro: 10 morti, 6 in Sicilia

«Basta con le stragi sul lavoro» così il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano dopo l’ennesima tragedia che ha visto ieri sei operai morire in una vasca di
depurazione a Mineo, comune a 35 chilometri da Catania, un mercoledì nero per il lavoro con altre quattro persone morte in quella che il presidente della Camera Gianfranco Fini ha
definito un’emergenza nazionale.

Nel comune siciliano teatro della strage sono andati avanti tutta la notte i rilievi degli inquirenti nella vasca del depuratore che ha inghiottito le vite di Giuseppe Zaccaria, Natale Sofia,
Giuseppe Palumbo, Natale Giovanni Sofia, Salvatore Tumino e Salvatore Smecca. Sono stati i familiari dei sei operai a lanciare l’allarme quando non hanno visto rientrare i loro cari. Forse una
fuoriuscita di liquami avrebbe causato la strage e sembra che i sei non avessero nessun dispositivo di sicurezza. Sulle cause dell’incidente mortale la procura di Caltagirone ha aperto
un’inchiesta.

Leggi Anche
Scrivi un commento