Marcelletti, Procura ricorre al riesame per chiedere il carcere

Carlo Marcelletti deve andare in carcere. Ne sono convinti i pm palermitani titolari dell’inchiesta sul cardiochirurgo, da ieri agli arresti domiciliari con le accuse di truffa, peculato,
concussione e indagato per detenzione di materiale pedopornografico.

Oggi la Procura di Palermo ha presentato ricorso al tribunale del Riesame contro la decisione gip di disporre gli arresti domiciliari per Marcelletti anziché la custodia cautelare in
carcere. Secondo i pm infatti ci sono tutti gli elementi per impedire a Marcelletti di rimanere a casa, visto che alcuni reati sono stati commessi grazie a contatti che aveva da casa e
soprattutto in considerazione del fatto che il chirurgo potrebbe inquinare le prove.

Marcelletti sarà interrogato dal gip domani pomeriggio. Solidarietà al medico è stata espressa da molti familiari dei piccoli pazienti che aveva in cura.

Leggi Anche
Scrivi un commento