Mafia: arresti a Catania per estorsioni

I carabinieri del comando provinciale di Catania stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 15 persone accusate di fare parte di una frangia della cosca
Mazzei, collegata a Cosa nostra, che opera nell’aera a nord-est della provincia etnea. I reati contestati, a vario titolo, sono: associazione mafiosa, spaccio di sostanze stupefacenti e
detenzione di armi.

Tra gli arrestati, c’e’ anche quello che gli investigatori indicano come il capo della cosca Mazzei nella zona di Randazzo. Secondo quanto emerso dalle indagini, il clan aveva chiesto il
pagamento di tangenti anche a un’impresa del Nord Italia incaricata della raccolta di rifiuti solidi urbani per conto dell’Ambito territoriale ottimale (Ato Catania 1), ad alcuni centri
benessere e a titolari di autosaloni. I particolari dell’operazione, denominata ‘Trash’, saranno resi noti dal procuratore capo di Catania, Vincenzo D’Agata, alle 11 durante una conferenza
nella sala stampa della Procura distrettuale.

Leggi Anche
Scrivi un commento