Le giornate di Ipack-Ima “Tecnologie per la sicurezza alimentare”

Le giornate di Ipack-Ima “Tecnologie per la sicurezza alimentare”

Alla domanda “Quali tecnologie per la sicurezza alimentare?” risponderà Ipack-Ima Spa con un nuovo evento in calendario a Bologna il 9 e 10 giugno 2010. “Crediamo nell’innovazione e
nella capacità di adattare le nostre competenze all’evoluzione del mercato. E’ per questo che la nostra offerta si arricchisce di un nuovo format ‘Le giornate di Ipack-Ima
finalizzato a disegnare eventi altamente specializzati per le nostre filiere e a mantenere un dialogo costante con le business community protagoniste delle nostre manifestazioni fieristiche” ,
dichiara Guido Corbella, amministratore delegato Ipack-Ima Spa.
Nuovo format: non solo fiere come tradizione di questo importante organizzatore fieristico italiano specializzato in manifestazioni di processing e packaging, ma una due giorni di approfondimento
dedicata all’industria alimentare, alla grande distribuzione e ai loro fornitori che desiderano incontrarsi, aggiornarsi, confrontarsi sui temi dell’innovazione tecnologica.

Nuova location: non un tradizionale quartiere fieristico ma la Sala Maggiore del nuovo polo congressuale (ex GAM Galleria Arte Moderna) di BolognaFiere. Bologna perché è un
importante centro nevralgico per l’industria alimentare italiana concentrata per il 62% nel centro-nord.

Nuovi contenuti: tendenze produttive e mode alimentari implicano una straordinaria attenzione e cura igienica dell’intera filiera, dalla fase di produzione delle materie prime a quella di
trasformazione, confezionamento, conservazione e commercializzazione.
Prodotti freschi e naturali, filiere corte, gastronomie sofisticate, cibi per intolleranze alimentari richiedono impianti di lavorazione di altissima affidabilità igienica. Si
parlerà di tecnologie per l’ultraclean, tecnologie combinate di IT/preprocessing/confezionamento protettivo/catena del freddo, tracciabilità e rintracciabilità, sistemi di
monitoraggio nella produzione di cibi anallergenici e ipoallergenici, imballaggi e materiali a contatto con gli alimenti.

Nuove sfide: l’assenza di tecnologie adeguate di trasformazione e di conservazione delle derrate alimentari e dei cibi è una causa primaria di perdita di alimenti e di rischio
igienico per i Paesi in via di sviluppo. Le nostre tecnologie e le nostre competenze possono rappresentare un’opportunità di sviluppo per questi mercati ai quali verrà dedicata una
sessione specifica.

Nuove competenze: per definire temi e contenuti del convegno, Ipack-Ima si è affidata ad un team di illustri esperti di tecnologia e sicurezza alimentare che daranno vita a un
Comitato Scientifico composto da: Claudio Peri , Professore emerito dell’Università degli Studi di Milano, Presidente del Centro Studi per la Qualità dell’Accademia dei Georgofili
di Firenze. Claudia Sorlini , Preside della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Milano nonché membro del comitato scientifico di Expo 2015. Vittorio Dell’Orto ,
Professore Ordinario del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Veterinarie per la Sicurezza alimentare dell’Università degli Studi di Milano. Luciano Piergiovanni , Professore Ordinario di
Scienze e Tecnologie Alimentari presso la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Milano e Presidente del Gruppo Scientifico Italiano di Confezionamento Alimentare.
Catherine Simoneau , Head Community Reference Laboratory for Food Contact Materials, European Commission.
Il lavoro del Comitato Scientifico, coordinato e presieduto dal Prof. Peri, sarà affiancato da uno Steering Commitee composto da rappresentanti della filiera tecnologica, industria e
grande distribuzione, associazioni e opinion maker. “Prevenire, ridurre e in molti casi escludere rischi igienici a tutela della sicurezza del consumatore sono oggi possibili grazie
all’innovazione tecnologica. Nei paesi più sviluppati il segmento della filiera alimentare nel quale si hanno i minori rischi di contaminazione è quello della trasformazione e
conservazione dei cibi.
Questo congresso servirà a fare il punto della situazione e a delineare gli sviluppi futuri di questa relazione virtuosa tra tecnologia alimentare e sicurezza del cibo”, dichiara Claudio
Peri.

Ipack-Ima spa è il più importante organizzatore fieristico italiano nei settori del packaging e delle tecnologie di processo e fra i più importanti a livello
internazionale. Opera dal 1961 per favorire l’incontro fra l’offerta e la domanda di tecnologie e prodotti nei mercati chiave, interpretandone l’evoluzione ed elaborando strumenti di marketing in
grado di soddisfare le esigenze di espositori e visitatori degli eventi che organizza. Grazie a questa sua capacità di intercettare tendenze e cambiamenti, Ipack-Ima spa è in
continuo sviluppo ed è saldamente attestata fra i più importanti sistemi fieristici italiani della meccanica strumentale.

IPACK-IMA SPA
ipackima@ipackima.it
www.ipack-ima.com

Leggi Anche
Scrivi un commento