Nutrimento & nutriMENTE

La Slovenia riceverà il sostegno della BEI per miglioramenti ambientali

By Redazione

La Banca europea per gli investimenti (BEI) ha concesso tre prestiti per progetti in materia di energia da realizzare in Slovenia, è previsto un importo totale di 93 Mio EUR da destinare
alla costruzione di due moderne centrali elettriche e ad alcuni progetti minori relativi all’efficienza energetica e all’energia rinnovabile.

Il presidente della BEI, Phillippe Maystadt, ha accolto con soddisfazione il finanziamento di tali progetti, affermando che «contribuiranno a garantire e diversificare
l’approvvigionamento energetico in Slovenia e contribuiranno positivamente a soddisfare la crescente domanda di energia».

La parte più ingente del finanziamento, un prestito da 350 Mio EUR, verrà riservata alla progettazione, alla realizzazione e all’attivazione di una nuova turbina a vapore da 600
MW nella Slovenia centrale. Grazie all’ammodernamento e al potenziamento dell’efficienza della generazione di energia elettrica dalla lignite, una delle principali risorse di combustibile del
paese, la turbina sostituirà 410 MW dell’attuale capacità alimentata a lignite. La nuova unità ridurrà del 28% le emissioni di carbonio. Contemporaneamente, il
calore prodotto in eccedenza sarà immesso nel sistema di riscaldamento locale.

Il progetto contribuirà a garantire l’approvvigionamento di elettricità e a creare posti di lavoro in una regione di convergenza, dichiara la BEI, scelta, questa, che è
perfettamente allineata con la politica energetica della Banca.

La BEI ha acconsentito a stanziare ulteriori 13 Mio EUR per la prima centrale ad accumulazione per pompaggio della Slovenia, che utilizzerà l’elettricità al di fuori delle ore di
punta, nella notte, per pompare l’acqua. Il flusso d’acqua può quindi essere invertito nelle ora di punta al fine di generare energia fino a 185 MW. Questi fondi aggiuntivi saranno
utilizzati per completare la costruzione della centrale, nonché per il suo funzionamento, un progetto che in precedenza ha già ricevuto 43 Mio EUR dalla Banca europea per gli
investimenti.

I restanti 30 Mio EUR verranno destinati a sostenere medi e piccoli investimenti a beneficio dell’ambiente. Il prestito sarà concesso al Fondo di sviluppo ambientale della Repubblica di
Slovenia (Eco Fund), che a sua volta lo ripartirà ai vari progetti che si occupano della riduzione dell’inquinamento atmosferico e idrico. Questo prestito quadro fornirà gli
strumenti per i progetti gestiti da comuni, società pubbliche e private e nuclei familiari incentrati su efficienza energetica, energie rinnovabili, rete idrica o fognaria.

Dall’inizio del 2006, la Banca europea per gli investimenti, in qualità di organismo di finanziamento a lungo termine dell’UE, ha fornito prestiti per oltre 6 Mrd EUR per investimenti
nel campo dell’energia nell’ambito dell’UE. Quest’anno la BEI ha fatto del prestito a favore dell’energia la sua priorità maggiore, nel tentativo di rafforzare l’energia rinnovabile,
l’efficienza energetica e il risparmio energetico, la ricerca e lo sviluppo nel campo dell’energia, nonché la sicurezza e la diversificazione dell’approvvigionamento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: