La floricoltura Toscana in cerca di rilancio

Lucca, 12 Dicembre 2007 – Stanno maturando le condizioni per un rilancio complessivo della floricoltura, se in Toscana vogliamo cogliere questa opportunità dobbiamo
attrezzarci. Da subito”, la sfida lanciata dall’assessore regionale all’agricoltura Susanna Cenni sintetizza e conclude i lavori del convegno sul futuro della floricoltura svoltosi oggi A
Lucca.

Nonostante la crisi degli ultimi anni, causata da una caduta strutturale della domanda (il consumo dei fiori si è ridotto in Italia di circa un terzo) e dell’accresciuta concorrenza
internazionale il comparto mantiene un peso specifico notevole nell’agricoltura regionale: sono 983 le aziende floricole, 1.343 i lavoratori impiegati nel settore, 80 milioni di euro all’anno
la produzione vendibile. Ma perché questo zoccolo duro che ha tenuto in anni difficili possa tornare a espandersi, secondo l’assessore, occorre muoversi da subito sulla strada
dell’innovazione tecnologica, dell’ammodernamento e della ricerca, utilizzando le possibilità offerte dal Piano di sviluppo rurale i cui bandi stanno per partire; ed è nevralgica
la presenza dei due mercati di Pescia e Viareggio, snodo decisivo delle produzioni, ma in maniera coordinata: di qui l’annuncio della gestione unitaria dei due mercati, che consentirà il
varo di una gamma nuova e aggiornata di servizi alle imprese. «Fondamentale – ha osservato l’assessore all’agricoltura della Regione Liguria Giancarlo Cassini, anche in veste di
cocordinatore degli assessori regionali sulle tematiche del florovivaismo, sarà certamente il ruolo dei due mercati pubblici, ma importante, ai fini del rilancio, anche che la Toscana
sappia riproporre con forza la sua specificità e la sua tradizione di qualità».

Nel corso del convegno sono emersi molti dati interessanti sulle caratteristiche del comparto. Innanzitutto la distribuzione delle aziende.
Poco meno della metà (411) sono in lucchesia, 339 in provincia di Pistoia. Ogni anno ! vengono prodotti 93 milioni tra fiori e fronde recise e 36 milioni di piante da vaso.
La hit parade dei fiori prodotti in Toscana è guidata dalle rose, seguite da garofani, crisantemi, iris, calle e gladioli.

Massimo Orlandi

Leggi Anche
Scrivi un commento