Interporto e ferrovia Orte-Civitavecchia

Viterbo – Il ministero dei Trasporti ha riconfermato la validità dell’Interporto centro Italia di Orte e l’impegno finanziario conseguente, questo è stato
l’annuncio che il presidente, Marcello Mariani, ha dato alla giunta di Palazzo Gentili riunitasi in seduta straordinaria per esaminare l’andamento delle attività della società
partecipata dalla Provincia.

La mobilità delle merci attraverso l’intermodalità, con il passaggio dalla gomma alla ferrovia e il potenziamento di quest’ultima, rappresenta – è stato detto – un impegno
prioritario in un territorio che si avvia a essere cerniera di collegamento tra il Tirreno, con il porto di Civitavecchia, e l’Adriatico, passando anzitutto per l’Umbria.

«Per questo – ha sottolineato il presidente della Provincia, Alessandro Mazzoli – prosegue l’impegno dell’amministrazione a sostegno della società, ponendosi anche a garante delle
sinergie attese dalle Regioni Lazio ed Umbria. La giunta ha esaminato lo stato di avanzamento dei lavori in corso, giudicando molto positiva l’azione della società, che sta facendo
diventare realizzazione concreta un progetto che per molto tempo era rimasto sostanzialmente in stand by».

«Interporto – ha detto l’assessore alla Mobilità, Renzo Trappolini – significa anche ripristino della ferrovia Orte-Civitavecchia a servizio del trasferimento via ferro delle merci
da e verso l’area portuale, anche con riferimento alla domanda degli operatori del distretto industriale di Gallese Civita Castellana e di quelli umbri. In questo quadro, la giunta ha
positivamente valutato l’iniziativa del presidente Mariani, che con l’Autorità Portuale e la Regione Lazio ha pure operato per ottenere il riconoscimento dall’Unione Europea di
utilità della tratta ferroviaria e il finanziamento alla riprogettazione conseguente alla dismissione».

Leggi Anche
Scrivi un commento