Inps rende note le basi per il calcolo delle indennità di malattia, maternità e tubercolosi e gli importi per il calcolo di prestazioni diverse tra cui assegni di maternità a carico dei Comuni e dello Stato

Inps rende note le basi per il calcolo delle indennità di malattia, maternità e tubercolosi e gli importi per il calcolo di prestazioni diverse tra cui assegni di maternità a carico dei Comuni e dello Stato

In sintesi le disposizioni contenute nella Circolare Inps n. 36 del 2 marzo 2009 sono le seguenti:

 A) Retribuzioni (anno 2009) di riferimento per l’erogazione delle
prestazioni economiche di malattia, maternità e tubercolosi ai
seguenti lavoratori:
1. Lavoratori soci degli organismi cooperativi di cui al D.P.R.
602/1970, art. 4 (malattia, maternità e tbc)
2. Lavoratori agricoli a tempo determinato (malattia, maternità e
tbc).
3. Compartecipanti familiari e piccoli coloni (malattia, maternità
e tbc).
4. Lavoratori italiani operanti all’estero, in Paesi exracomunitari
(malattia, maternità, tbc).
5. Lavoratrici addette ai servizi domestici e familiari (maternità).
6. Lavoratrici commercianti, artigiane, CD-CM e imprenditrici
agricole professionali (maternità).

B) Importi (anno 2009) da prendre a riferimento per le seguenti
prestazioni:
1. Lavoratori iscritti alla gestione separata dei lavoratori autonomi
(maternità e malattia).
2. Assegni di maternità dei Comuni (importo prestazione e limite
reddituale).
3. Assegni d maternità dello Stato.
4. Congedo parentale ex art.34, comma 3, D. Lgs. n.151/2001
(limite reddituale).
5. Art. 42, comma 5, D. Lgs. n.151/2001- indennità economica ed
accredito figurativo per i periodi di congedo riconosciuti in
favore dei familiari di portatori di handicap. Importi massimi per
l’anno 2009.

Circolare Inps n. 36 del 2 marzo 2009

Leggi Anche
Scrivi un commento