Incontro di inizio anno con Papa Benedetto XVI

Roma – Una Regione vicina ai precari, ai poveri, e alla famiglia: questo il messaggio che il presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo ha portato oggi al Pontefice Benedetto XVI, che
ha ricevuto in Vaticano i vertici di Regione, Provincia e Comune nella sala Clementina.

«La Regione è sempre accanto alla famiglia e lo è sostenendo i nuclei che sono economicamente più deboli, aiutando le giovani coppie e favorendo la
natalità», ha detto Marrazzo, che ha poi sottolineato come «il Lazio è una regione in cui si ricominciano a fare figli». Il lavoro precario – ha aggiunto –
«è una di quelle emergenze in cui l’etica della responsabilità deve svolgere il ruolo che le spetta.

Il presidente Marrazzo ha poi sottolineato come l’anno appena trascorso sia stato attraversato da momenti di ottimismo e da altri drammatici, e ha citato gli «ottimi risultati in campo
economico» registrati dalla nostra regione, ma anche «i momenti drammatici legati soprattutto alle nuove povertà». Nel suo discorso, il presidente ha assicurato inoltre
che il Lazio è «una regione pronta allo sviluppo, ma capace di essere attenta al prossimo, a chi ha più bisogno, a chi più soffre ed è emarginato».

Il presidente Marrazzo ha poi toccato il tema dei rapporti con la Chiesa cattolica, sottolineando che la Regione ha reso «finalmente operativa la legge regionale sugli oratori», ed
ha firmato un protocollo di intesa con il card. Camillo Ruini, vicario del Papa per Roma, «per la costruzione di sei nuovi complessi parrocchiali nella diocesi». «La
razionalizzazione della spesa – ha peraltro detto Marrazzo a proposito della sanità – libera le risorse utili a migliorare la qualità del servizio offerto ai cittadini e a
continuare a sostenere concretamente i poli di eccellenza presenti nella regione».

Leggi Anche
Scrivi un commento