Immigrazione: ricostituita consulta regionale Umbra

Perugia – Con lo scopo di offrire ai cittadini non comunitari che lavorano e risiedono in Umbria la possibilità di esprimersi e di entrare in relazione con altri connazionali,
è stata ricostituita la Consulta regionale per i problemi dei lavoratori extracomunitari e delle loro famiglie.

L’organismo, rilanciato su iniziativa dell’assessore regionale alle politiche sociali, Damiano Stufara, è previsto dalla legge regionale n. «18/90» e formula proposte ed
esprime pareri su tutte le materie relative ai fenomeni dell’immigrazione e del multiculturalismo, anche facendo da tramite tra i soggetti migranti e i vari connazionali in un processo di
corretta integrazione.

«Con la ricostituzione della Consulta – ha spiegato l’assessore Stufara – si offre ai migranti la possibilità di partecipare in maniera attiva e democratica alla vita istituzionale
sociale ed economica del territorio regionale. In pratica – ha aggiunto – il senso di appartenenza ad un’unica comunità regionale, la coesione tra vecchi e nuovi cittadini e il rispetto
delle differenze e pari opportunità costituiscono gli elementi fondamentali di una corretta strategia di inclusione. Tramite le proprie rappresentanze nella Consulta i cittadini
immigrati potranno quindi beneficiare di uno strumento utile e necessario per il dialogo e la civile convivenza. La consulta sarà però anche il luogo dove tutte le diverse
articolazioni della società regionale (imprese, sindacati, associazioni, patronati) potranno confrontarsi sulle politiche di integrazione nel concreto delle problematiche, a partire da
quelle dal lavoro, consapevoli che a una migliore integrazione corrisponde anche maggiore sicurezza sociale e civile».

Composta in gran parte da rappresentanti e portavoce delle comunità straniere a forte pressione migratoria, oltre che da rappresentanti di organizzazioni datoriali, sindacati, organismi
del mondo della cultura e dell’istruzione, del lavoro e del sociale, la consulta svolge un ruolo attivo nella comunicabilità politica, sociale e culturale tra comunità straniere
presenti su tutto il territorio regionale e cittadini umbri. «Da più di un decennio la presenza sempre più consistente di stranieri – ha detto l’assessore Stufara – ha
suscitato nella comunità una forte preoccupazione. L’incontro tra soggetti provenienti da paesi diversi e i cittadini italiani ha generato segni di crisi nella convivenza tra culture. La
costituzione della ‘Consulta regionale’ quindi, è inserita proprio nell’ottica di contribuire al superamento di queste difficoltà».

Leggi Anche
Scrivi un commento