Imballaggio flessibile – Lotta al Food Waste: l’indagine Giflex

Imballaggio flessibile – Lotta al Food Waste: l’indagine Giflex

LOTTA AL FOOD WASTE: DA GIFLEX UN’INDAGINE INEDITA SULL’IMPORTANZA DEL PACKAGING

(scarica PDF: INDAGINE GIFLEX PER LA SOSTENIBILITÀ)

Michele Guala presidente Giflex

Michele Guala presidente Giflex

Mentre il mondo si interroga sul futuro di un’alimentazione sostenibile, GIFLEX partecipa al dibattito chiave di EXPO 2015 pubblicando un’indagine sul valore dell’imballaggio nella lotta allo spreco di alimenti e risorse

Milano, 16 luglio 2015 – Giflex (Gruppo Imballaggio Flessibile) contribuisce al grande dibattito internazionale sulla sostenibilità alimentare e ambientale pubblicando un’indagine destinata a rivoluzionare la percezione del packaging nel contesto di un’alimentazione contemporanea pensata per favorire un futuro sostenibile e alla portata di tutti.

Gli scarti domestici rappresentano circa il 10% del totale dei rifiuti, il food packaging meno del 3%.
(Fonte: Advisory Committee on Packaging, 2008. Packaging in Perspective)

“Nel 2014 solo in Europa sono state buttate via oltre 100 milioni di tonnellate di alimenti. – spiega Michele Guala, presidente di Giflex – Nei Paesi industrializzati lo spreco è impressionante: nelle ultime fasi della filiera si arriva a buttare circa il 40% degli alimenti”.
Se si calcola l’impronta ecologica dello spreco alimentare, i dati sulle risorse perse e l’impatto sui cambiamenti climatici sono scioccanti:
– l’acqua necessaria a produrre gli alimenti poi sprecati rappresenta circa 3 volte il lago di Ginevra in Svizzera e la portata annuale del fiume Volga;
– il suolo impiegato corrisponde ad una superficie superiore a quella di Canada e India insieme;
– la quantità di anidride carbonica emessa per produrre il cibo perso equivale a più del doppio delle emissioni dovute al trasporto su strada degli USA nel 2010.
“Ormai è evidente che il packaging non deve più assolvere soltanto alla funzione di conservare e presentare i prodotti – evidenzia Michele Guala – ma deve confrontarsi con nuove sfide: può infatti contribuire concretamente alla riduzione degli sprechi alimentari ed a migliorare la fruibilità dei prodotti”.

Nei Paesi in via di sviluppo, se trasportato senza packaging, solo il 50% degli alimenti giunge a destinazione.
(Fonte: Lundqvist, J., C. de Fraiture and D. Molden. Saving Water: From Field to Fork – Curbing Losses and Wastage in the Food Chain. SIWI Policy Brief. SIWI, 2008)
L’IMBALLAGGIO FLESSIBILE: PERFORMANCE ECCELLENTI
Tra le diverse tipologie di food packaging, l’imballaggio flessibile presenta le migliori performance in termini di rapporto tra protezione dell’alimento e consumo di risorse. Questo è possibile grazie al fatto che per proteggere efficacemente gli alimenti è sufficiente usare una quantità di materiale minima rispetto ad altre soluzioni. Ciò significa che durante le fasi di trasporto, l’energia e le risorse impiegate servono essenzialmente a muovere gli alimenti… piuttosto che gli imballaggi.
Se si considera il trasporto dei succhi di frutta, nel caso del flessibile il packaging rappresenta circa il 10% del peso trasportato e la bevanda il 90%, mentre con altre soluzioni si arriva a trasportare fino al 50% di imballaggio. (Fonte: FPE, 2011. The perfect fit)
Se si considera il trasporto dei succhi di frutta, nel caso del flessibile il packaging rappresenta circa il 10% del peso trasportato e la bevanda il 90%, mentre con altre soluzioni si arriva a trasportare fino al 50% di imballaggio.
(Fonte: FPE, 2011. The perfect fit)

(Fonti: FPE, 2014. Toward a resource efficient Europe; The British Standards Institution 2014. Application of PAS 2070 – London, United Kingdom. An assessment of greenhouse gas emissions of a city)

APPUNTAMENTO AL CONGRESSO D’AUTUNNO
Giflex organizzerà un Congresso d’Autunno a Milano nei giorni 30 settembre e 1 ottobre presso l’Hotel Melià in via Masaccio 19. Il programma dei lavori prevede la presenza di autorevoli relatori nazionali e internazionali con lo scopo di favorire un dibattito sereno e imparziale tra istituzioni, media, industria e distribuzione.
Il Congresso, che per la prima volta si svolgerà a porte aperte, rappresenterà il momento conclusivo del progetto di sensibilizzazione avviato da Giflex nel 2015 per valorizzare le caratteristiche dell’imballaggio flessibile come mezzo per combattere gli sprechi, in linea con uno dei temi portanti di EXPO 2015.
Per ricevere l’Invito e il Programma del Congresso è possibile pre-accreditarsi scrivendo una mail con il proprio nome, cognome, qualifica e recapiti al seguente indirizzo:
congresso.giflex2015@sprim.com

 

GIFLEX
Piazza Castello, 28
20121 Milano
Tel. + 39 02 4981051
Fax +39 02 4816947
info@giflex.it

 

GIFLEX è l’Associazione che raggruppa i produttori di imballaggi flessibili stampati in rotocalco e in flessografia, destinati al confezionamento di prodotti alimentari, farmaceutici, chimici e ad altre applicazioni industriali.

Il Gruppo è integrato nel sistema confindustriale, tramite l’Associazione Nazionale delle Industrie Grafiche, Cartotecniche e Trasformatrici e, in ambito europeo, aderisce alla FPE (Flexible Packaging Europe), Divisione di EAFA (European Aluminium Foil Association).

Il Gruppo fin dall’anno di costituzione – 1985 – si è proposto come riferimento e supporto ai propri associati, apportando un’ampia gamma di servizi, che vanno:

  • Dall’informazione sugli aspetti tecnici, normativi, di marketing relativi al packaging flessibile
  • Alla realizzazione di documenti e studi tecnici, economici e statistici
  • Alla formazione del personale tecnico e commerciale
  • All’organizzazione di eventi di carattere generale, quali assemblee e congressi e di workshop su temi specifici.

Inoltre attraverso l’attività di gruppi di lavoro specializzati e coordinati da consulenti, esperti in materia, Giflex svolge un costante e continuo monitoraggio e aggiornamento degli aspetti giuridico-legali e delle problematiche ambientali, relativi alla produzione ed ai campi di applicazione del packaging flessibile, fornendo approfondimenti e puntuale assistenza a tutta la base associativa.


 Redazione Newsfood.com
Leggi Anche
Scrivi un commento