Il vino italiano alla conquista della Cina

Il vino italiano alla conquista della Cina

Si affilano le armi in vista di una grande manovra di avvicinamento, prima dell’attacco finale, alla conquista del grande mercato cinese. I maggiori produttori di vini italiani doc si sono
riuniti a Roma, in una cena organizzata nella splendida cornice di Palazzo Altieri, dall’Associazione Parlamentare Italia-Hong Kong, grazie all’orchestrazione di una delle sue figure di spicco,
la Senatrice Cinzia Bonfrisco, e alla lobby di Sviluppo Cina, alla presenza del ministro per le Politiche Agricole Luca Zaia, di una cospicua rappresentanza di uomini politici e delle
istituzioni preposte allo sviluppo del Made in Italy.

L’importanza dell’evento e’ stata sottolineata dalla presenza della seconda carica dello Stato, il presidente del Senato Renato Schifani, del suo predecessore, Franco Marini, del presidente del
Gruppo Pdl del Senato Maurizio Gasparri, dell’ex Governatore della Sicilia, Salvatore Cuffaro, del presidente di Italiani nel Mondo, Sergio De Gregorio e di una lunga lista di parlamentari e di
uomini e donne di potere, a testimonianza del grande interesse attribuito al progetto, per le sue ricadute sull’economia e sul prestigio italiano nel gigantesco mercato asiatico.

L’iniziativa ha preso spunto dal progetto di un Protocollo d’Intesa tra il governo italiano e quello della regione cinese a Statuto Speciale di Hong Kong, per la cooperazione nella diffusione
del vino italiano in Cina, che dovrebbe essere siglato nel prossimo mese di maggio, in occasione di una visita in Italia del Ministro delle Finanze di Hong Kong, John Tsang.

Leggi Anche
Scrivi un commento