Il gusto delle donne: 20 storie di signore della cucina

Il gusto delle donne: 20 storie di signore della cucina

Il lato rosa della cucina. Una collezione di ritratti e storie che parlano delle signore della gastronomia, italiana e non.

Questo è “Il gusto delle donne”, testo di Licia Granello ed edito da Rizzoli.

Penna di Repubblica, dopo anni dedicati allo sport, Granello ha cambiato radicalmente campo, diventando food editor e abbracciando totalmente il mondo dell’alimentazione, dalla gastronomia
più elevata ai piatti popolari. Inoltre, è docente di Antropologia dell’Alimentazione all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

E nel testo riversa la conoscenza acquisita sul campo rendendo omaggio alla cuoche in rosa: spesso donne di famiglia, madri o nonne, hanno però compiuto il loro cammino nel mondo della
tavola, dell’accoglienza e della ristorazione.

Ecco allora la storia di Josè Rallo, che divenne la prima donna a capo dell’azienda vinicola Donnafugata, coniugando passione per il vino con quella per la musica.

O la storia di Annie Feolde: arrivata in Toscana come ragazza alla pari fu abbandonata dalla famiglia di Fiesole che l’aveva chiamata. La giovane francese seppe reagire, diventando uno dei
punti di forza dell’Enoteca Pinchiorri.

O quella di di Margherita Mastromauro, capace di unire passione (e presenza) nel pastificio con la presenza attiva nella politica.

Una serie di viaggi affascinanti, per viaggiare nel cibo e nel vino secondo un’ottica, una passione ed un interesse tutto femminile.

Licia Granello, “Il gusto delle donne. Il mestiere della tavola in venti storie al femminile”, Rizzoli 2012, 212 pp., 16 Euro

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento