Il borgo medievale, la cucina di Lorenzo Totò e l'albero dell'amore

Il borgo medievale, la cucina di Lorenzo Totò e l'albero dell'amore

Nei pressi di Arezzo si trova un piccolo e delizioso borgo medievale che, arroccato su un colle, conserva intatti i bei palazzi in pietra, i cortili fioriti e le intricate stradine che
riportano ad un’epoca lontana: Lucignano Valdichiana.
Tra le mura del borgo, le casette destinate agli antichi popolani a poco a poco si «aprono» e lasciano il posto ai palazzi della nobiltà, tra cui è piacevole
passeggiare alla ricerca di prodotti dalla lunga ed appassionata tradizione artigianale.
E’ qui, in questo contesto fiabesco, che si trova uno dei simboli più importanti e conosciuti dell’amore: l’albero d’oro.
Si tratta di un reliquiario di 2,60 metri d’altezza risalente al XIV-XV secolo e oggi custodito nel museo di Lucignano che, secondo la leggenda, porta fortuna agli innamorati che giungono da
tutto il mondo per scambiarsi le promesse d’amore davanti ai suoi magnifici rami dalle decorazioni smaltate, arricchiti con cristalli di rocca e coralli.

L’estremità superiore dell’albero d’oro è sormontata da un Cristo sovrastato da un pellicano che con il suo sangue nutre i suoi piccoli. Si tratta, dunque, di un eccezionale
esempio di amore religioso, simbolo ed amore umano e questo ne ha fatto la meta d’elezione per gli innamorati, i futuri ed i novelli sposi.
Ma la Toscana, si sa, non è fatta solo di borghi pittoreschi, opere d’arte e paesaggi indimenticabili. Dire Toscana significa anche parlare di una lunga e sapiente tradizione culinaria
che raccoglie in sé l’amore per la terra, il gusto e il sapere genuino delle passate generazioni.
A riprova di ciò, a Lucignano si trova l’Albergo Osteria da Totò che, dall’alto della Rocca, sovrasta le dolci colline toscane e la Val di Chiana. Qui vive e lavora Boris
Totò, figlio di Lorenzo Totò, uno chef conosciuto al pubblico (e al palato) per i suoi libri e le sue partecipazioni a note trasmissioni televisive.
Il babbo si è ritirato in campagna ed ora chi pranza all’Osteria da Totò può gustare le prelibatezze preparate dal figlio Boris, che porta avanti una tradizione culinaria
dal sapore antico e mai uguale, arricchita dalla maestria di chi esercita la sua arte con gusto e passione.
Perché non unire l’utile al dilettevole, dunque? Prenotando on line il proprio soggiorno di San Valentino sarà possibile trascorrere un weekend indimenticabile, coniugando un
contesto dal sapore antico e con il piacere di una cucina unica ed inconfondibile, grazie anche ad un menù speciale pensato per gli innamorati.
E poi si potrà suggellare le proprie promesse d’amore davanti ad un’opera di straordinario valore: Boris Totò ha deciso di omaggiare l’ingresso al Museo di Lucignano a tutti
coloro che decideranno di prenotare via mail (info@trattoriatoto.it) il proprio soggiorno.

San Valentino a Lucignano – 14 febbraio 2008

L’offerta comprende:

Pernottamento
Prima colazione

Prezzo: ? 130,00 a coppia

Ovviamente, proprio per la sua tradizione medievale, per la sua posizione e per l’ambientazione che offre , Lucignano rappresenta un contesto unico e speciale per trascorrere un Carnevale in
cui non solo ci si maschera, ma si viene trasportati in un’epoca lontana.

Ultimo di Carnevale a Lucignano – 5 febbraio 2008

L’offerta comprende:

Pernottamento
Prima colazione

Prezzo: ? 130 a coppia

Per saperne di più,
http://www.trattoriatoto.it
info@trattoriatoto.it

Leggi Anche
Scrivi un commento