Il 5% degli italiani proprietario del 16,5% delle case? Una fortuna per chi cerca l’affitto

Il 5% degli italiani proprietario del 16,5% delle case? Una fortuna per chi cerca l’affitto


L’Agenzia del Territorio ha diffuso interessanti dati sugli oltre 30 milioni di alloggi in Italia. Tra i dati forniti, una mappatura della ricchezza immobiliare secondo la quale
il 5% dei proprietari possiede il 16,5% degli immobili residenziali: un dato che, lungi dal far parlare di sperequazione, e’ men che congruo rispetto alle esigenze abitative del Paese e
assolutamente al di sotto del dato medio europeo.


Rileva il presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici: “Alcuni importanti organi d’informazione hanno titolato su questo dato in termini, diciamo, “meravigliati”.


Trascurando, tuttavia, una realtà fondamentale. La gran parte di quel 16,5% delle abitazioni è destinato alla locazione.


E’ una fortuna per chi cerca l’affitto – in quanto, ad esempio, non può permettersi o non intende acquistare la casa – che tale numero di alloggi, comunque insufficiente a
rispondere adeguatamente al fabbisogno espresso dal Paese, gli consenta di avere un tetto sulla testa.


Da decenni infatti non si realizzano più alloggi popolari e la formula del social housing è inadeguata: si pensi che solo nella Regione Lombardia, a fronte di una domanda di 60.000
abitazioni, se ne stanno costruendo solo poche migliaia.


Al proprietario privato spetta quindi l’onere di rispondere ad una domanda sociale ed il Paese si dovrebbe augurare che quel 16,5 % di alloggi posseduti dal 5% della popolazione avesse a
crescere: significherebbe un’aumento della offerta in locazione”.



Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento