Il 2° Festival nazionale del radicchio coinvolge i Jeunes Restaurateurs d'Europe

Zero Branco – Dopo il felice debutto della scorsa stagione, torna, lunedì 17 marzo al Ristorante Il San Lorenzo di Roma, il Festival Nazionale del
Radicchio,
promosso dal Consorzio tutela del Radicchio Rosso di Treviso e Variegato di Castelfranco IGP e dalla Regione del Veneto con l’intento di diffondere, a
livello nazionale e internazionale, la conoscenza del fiore all’occhiello della produzione agroalimentare trevigiana.

Quest’anno, nella sua seconda edizione, il progetto rinnova la collaborazione con la San Benedetto e presenta un nuovo format, che coinvolge l’autorevole rivista di settore
«Cucina & Vini», media partner dell’iniziativa, e i giovani ristoratori italiani della prestigiosa Associazione Jeunes Restaurateurs d’Europe,
invitati a ideare, secondo il proprio istinto, una ricetta a base di radicchio di Treviso.

Tra le centinaia di ricette pervenute alla redazione di «Cucina & Vini» una commissione di esperti ha selezionato i cinque chef finalisti che si sfideranno lunedì
17 marzo al Ristorante Il San Lorenzo di Roma
, a partire dalle ore 20:30, contendendosi il titolo di Ambasciatore del Radicchio per la stagione produttiva 2008 – 2009.
Ai circa 80 ospiti della serata, riservata a giornalisti e addetti ai lavori, il compito di designare il vincitore.

Una sfida non facile, come precisato da Gianfilippo Coletta – Direttore ed Editore di Cucina & Vini, scegliere fra le molte ricette ricevute, tutte espressione di un preciso percorso di
innovazione e di ricerca e delle forti personalità degli chef coinvolti; e tutte meritevoli di attenzione, come dimostrato dall’intenzione di riunirle in un’unica pubblicazione sul
radicchio che sarà editata a fine anno.

I cinque JRE che si contenderanno il titolo di ambasciatore del Radicchio saranno: Adriano Baldassarre del ristorante Il Tordo Matto di Zagarolo (RM); il Presidente
dell’Associazione Marco Bistarelli de Il Postale di Città di Castello (PG); Agata Caraccio di Agata e Romeo di Roma; Ivano Mestriner di Dal
Vero
di Badoere di Morgano (TV); e Roberto Petza che ha da poco concluso l’esperienza del ristorante S’Apposentu di Cagliari, preparandosi a nuove sfide.

I cinque piatti presentati a Il San Lorenzo, tutti a base di Radicchio Rosso di Treviso e Variegato di Castelfranco, spazieranno dall’antipasto al dolce, indagando e ponendo
l’accento sulla rinomata versatilità della cicoria di Treviso.

Aprirà la serata l’antipasto realizzato da Roberto Petza: una fonduta di pecorino con pralina di radicchio, bottarga di muggine, lime e mandorle fresche, all’insegna del
confronto fra la tradizione sarda e il radicchio trevigiano. Si proseguirà con la pasta ripiena di radicchio brasato realizzata da Ivano Mestriner; e con gli spaghetti
alla carbonara con radicchio e gorgonzola, ideati da Marco Bistarelli e giocati sul contrasto fra il dolce del formaggio e l’amaro della cicoria. A seguire, Adriano
Baldassarre
proporrà, come secondo, un carpaccio di funghi pioppini, julienne di Variegato di Castelfranco e petto di piccione con radicchio di Treviso. Mentre Agata
Caraccio
stupirà con un’irresistibile triade di dolci: tortelletta di pasta frolla ripiena di radicchio, ricotta e frutta candita; Gelato a base di radicchio; e crema inglese
profumata al radicchio.

GLI CHEF FINALISTI:

Adriano Baldassarre – Il Tordo Matto
Piazza San Martino, 8, 00039 Zagarolo (RM); Tel. 06 95200050

Sul corso principale di Zagarolo, in piazza S. Martino, il locale è ricavato da un antico forno, trasformato in un ambiente giovane, elegante e informale. Adriano rispetta sapori e
prodotti, lasciando inalterati profumi e colori, accostando gli ingredienti in maniera a volte tradizionale, a volte creativa, ma sempre puntando alla determinazione della sostanza e del
divertimento in ogni singolo piatto.

MARCO BISTARELLI – Il Postale
Via Raffaele de Cesare, 8 6012 CITTA’ DI CASTELLO (PG); Tel. 075 8521356

Autorimessa di corriere dei primi anni Trenta, sormontata da capriate originali in legno ed arredata con moderne vetrate colorate. La cucina di Marco privilegia le materie prime del cortile e
dell’orto esaltandone colore e tradizione; attraverso la tecnica e la ricerca viene proposto un creativo e contemporaneo stile dei piatti.

AGATA CARACCIO – Agata e Romeo
Via Carlo Alberto, 45, 00185 ROMA (RM); Tel. 06 4466115

Il ristorante Agata e Romeo si trova nel centro storico di Roma. Nella cucina di Agata le radici territoriali sono evidenti, ma contaminate grazie ai numerosi viaggi all’estero che le hanno
consentito di apprendere tecniche differenti di manipolazione della materia, di cottura, di presentazione. Una cucina che presta massima attenzione alle materie prime e in cui la
creatività e l’innovazione non si confondono con la moda e la tradizione resta lontana dal folclore, perché è riveduta e corretta in base a più attuali esigenze di
leggerezza.

Ivano Mestriner – Dal Vero
Piazza Indipendenza, 24, 31050 Badoere di Morgano (TV); Tel. 0422 739614

In un angolo della bellissima piazza di Badoere, Dal Vero è un ristorante piccolo ed elegante per circa 25 coperti. La cucina è separata dalla sala «dal vero»
cioè «dal vetro» in dialetto veneto, attraverso il quale si vede lavorare lo chef Ivano Mestriner e la sua piccola brigata. I piatti di Ivano, autodidatta, parlano di pesce,
di crostacei, di pasta, di riso, di ortaggi di stagione con originalità, fantasia e creatività, senza stravolgere le materie prime che il territorio offre, inclusa la carne di
tutti i tipi, in tutte le sue parti commestibili.

ROBERTO PETZA
Dopo una lunga gavetta, anche all’estero, in cucine di mezza Europa che gli hanno dato la possibilità di acquisire tecniche e conoscenze, nel ’99 è tornato nella sua San Gavino
Monreale, per aprire il ristorante S’Apposentu, trasferito dal 2002 all’interno del Teatro lirico di Cagliari e diventato famoso per una cucina che riprendeva prodotti e tradizioni locali in
chiave moderna, con risultati di grande leggerezza, ma di gusti intensi. Terminata da poco l’esperienza del S’Apposentu, Roberto Petza si prepara a nuove sfide e a nuovi successi, lasciandoci
con una grande curiosità.

Leggi Anche
Scrivi un commento