I primi guai per gli avvocati contrari alla mediazione

I primi guai per gli avvocati contrari alla mediazione

Avvocati nei guai per non aver ottemperato all’obbligatorietà dell’esperimento del tentativo di conciliazione per le materie entrate in vigore il 20 marzo 2011. Il presidente del tribunale
di Prato, Dott. Francesco Antonio Genovese, ha alleggerito la posizione dell’avvocato che ha presentato direttamente un domanda giudiziale per una materia obbligatoriamente conciliabile,
risultato: le parti sono state invitate a trovarsi un organismo per il tentativo obbligatorio di conciliazione.

Irrilevante è stata da parte dell’avvocato l’esibizione della “famosa informativa” fattasi firmare del cliente, valida solo per le materie e per la tutela di diritti disponibili non
rientrante fra quelle previste dall’art. 5 del D.Leg. 28/2010. Anche per queste “informative” quando verranno al “nodo” ed al vaglio del giudice nasceranno guai seri, staremo a vedere come
l’avvocato giustificherà al proprio cliente il mancato componimento conciliativo che poteva essere fatto a costo zero.

C’è da dire che il presidente del Tribunale, nei confronti di questo avvocato poco propenso alla mediazione, è stato molto benevole. Secondo il parere del presidente
dell’A.N.P.A.R. (Associazione Nazionale per l’Arbitrato & la conciliazione), l’avvocato, forse, ha commesso il reato di patrocinio infedele delitto
sanzionabile ai sensi dell’articolo 380 n. 1 c.p. in quanto ha tenuto una condotta del patrocinatore irrispettosa dei doveri professionali, stabiliti per fini di giustizia a tutela della parte
assistita ed, in secondo luogo, un evento che implichi un nocumento agli interessi di quest’ultimo, inteso non necessariamente in senso civilistico di danno patrimoniale, ma anche nel senso di
mancato conseguimento dei beni giuridici o dei benefici di ordine anche solo morale, che alla stessa parte sarebbero potuti derivare dal corretto e leale esercizio del patrocinio legale.

Nella specie, continua Pecoraro, l’avvocato si è reso responsabile di una condotta sicuramente irrispettosa dei doveri professionali, consistita nella consapevole omissione di non esperire
il tentativo di conciliazione obbligatorio per la materia trattata, così determinando nocumento alla parte assistita, correttamente individuato nella perdita da parte del patrocinato di
ogni possibilità di far valere le proprie ragioni in conciliazione.

In questa fase, continua Pecoraro, una cosa è certa, che il cliente può già chiedere all’avvocato il risarcimento danni causato, c.d., per la mancata conciliazione, per la
perdita di tempo e per li rimborso delle spese di giustizia anticipate oltre la revoca del mandato a suo tempo firmato.

www.anpar.it

Redazione Newsfood.comWebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento