I Ministri De Castro e Turco, insieme all’Assessore campano Cozzolino si rivolgono agli allevatori e ai caseifici

I Ministri De Castro e Turco, insieme all’Assessore campano Cozzolino si rivolgono agli allevatori e ai caseifici, coinvolti nel piano dei controlli sulla diossina nel latte di bufala,
confidando «nel senso di responsabilità delle imprese e delle associazioni per gestire con la massima attenzione e celerità lo svolgimento dei controlli necessari per il
rispetto degli impegni comunitari e quindi mantenere la possibilità di attivare gli strumenti di intervento compensativo dei danni».

Nella dichiarazione rilasciata oggi si legge: «Il programma di controllo definito con la Commissione Europea consente margini di flessibilità sufficienti a dare continuità
operativa alla filiera, coerentemente ai tempi ristretti necessari all’ottenimento dei risultati dei controlli ed alla successiva regolarizzazione delle condizioni di mercato. Il prodotto
sottoposto a controllo, e in momentanea sospensione della commercializzazione, può essere comunque lavorato e/o stoccato seguendo precisi criteri di rintracciabilità. Per tale
ragione non vi sono motivi legati direttamente al piano dei controlli che impediscano il ritiro del prodotto degli allevamenti soggetti al controllo durante i giorni di attesa dei responsi
analitici. Contemporaneamente, rimane possibile assicurare la continuità operativa degli impianti attraverso l’utilizzo del latte proveniente da aree ed allevamenti non soggetti ai
controlli o per i quali sia già stato ottenuto il riscontro analitico favorevole».

I due ministri e l’assessore confidano, pertanto, che «la collaborazione stretta tra gli operatori economici della filiera, tra caseifici e tra caseifici e allevatori, nelle differenti
province di produzione, permetterà di gestire senza eccessivi traumi questo piano straordinario e di arrivare in tempi rapidissimi a mettere luce sulla situazione reale e ripristinare le
condizioni di fiducia nei consumatori e di regolarità nel mercato».

In relazione agli impatti economici diretti che tali interventi avranno sulle imprese coinvolte, alla luce dell’avvio operativo dei controlli, la prossima settimana si terrà un incontro
tecnico presso il Ministero delle Politiche agricole e forestali per avviare adeguati strumenti, compatibili alle regole comunitarie, per le compensazioni alle imprese e per la promozione ed il
rilancio dei consumi.

Leggi Anche
Scrivi un commento